Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 gen 2022

Dybala fa gol e non esulta: segnale alla Juve

Rinnovo sempre più in salita: Paulo segna con l’Udinese, poi lancia uno sguardo di sfida alla tribuna. Verso Arrivabene? McKennie fa 2-0

16 gen 2022
paolo franci
Sport
Paulo Dybala segna ma non festeggia mimando il gesto con la maschera: un segnale evidente della sua tensione con la società dopo le critiche ricevute
Paulo Dybala segna ma non festeggia mimando il gesto con la maschera: un segnale evidente della sua tensione con la società dopo le critiche ricevute
Paulo Dybala segna ma non festeggia mimando il gesto con la maschera: un segnale evidente della sua tensione con la società dopo le critiche ricevute
Paulo Dybala segna ma non festeggia mimando il gesto con la maschera: un segnale evidente della sua tensione con la società dopo le critiche ricevute
Paulo Dybala segna ma non festeggia mimando il gesto con la maschera: un segnale evidente della sua tensione con la società dopo le critiche ricevute
Paulo Dybala segna ma non festeggia mimando il gesto con la maschera: un segnale evidente della sua tensione con la società dopo le critiche ricevute

di Paolo Franci Il calcio sa raccontare storie magnifiche. Talmente belle da sembrare scontate fino alla sensazione di deja vu. Quanto sarebbe stato in perfetta sintonia un gol di Paulo con tutto quanto accaduto - e detto, soprattutto dall’ad bianconero Arrivabene sul rinnovo - negli ultimi giorni? E allora eccolo lì, tra eleganza e spietatezza alla Francis Ford Coppola, il colpo secco di Paulo impreziosito dalla fascia da capitano che disegna una differenza. Un tocco vellutato ma all’arrabbiata. Un tocco che sblocca la partita e vedrai che adesso Dybala esulta. E invece no, sbagliato. Paulo getta la maschera, la Dybala Mask. Nessuna esultanza, i pugni serrati verso il basso, il sopracciglio alzato e gli occhi che cercano Arrivabene in tribuna, lassù. Lo sguardo è prolungato, di sfida, provocatorio anche se garbato. Così gelido che neanche il pampero, vento dell’Antardite che sferza l’Argentina da sud-ovest. Paulo in quegli attimi deve averle ripassate tutte, le frasette simpatiche di Arrivabene. Tipo quella del prepartita dell’Olimpico: "Il rinnovo? Deve meritarselo". E poi: "Dybala? Le parole che ho dedicato a lui valgono per qualsiasi giocatore della Juve. Voglio vedere carattere e grinta. Porta il numero 10 e deve rendersi conto del peso che ha". Quel "qualsiasi giocatore" fa un po’ strano no? In una Juve così mediocre, con l’undicesimo attacco del campionato e, tolto Dybala, senza più fuoriclasse, sa quanto meno di avventato. Anche perchè poi siamo al settimo gol in campionato (il 10° in 17 gare all’Udinese) e una leadership in squadra che, ieri, s’è stagliata netta sulla media non eccelsa dei suoi compagni. Resterà? Andrà all’Inter o altrove? Il segnale arrivato ieri è stato forte. Con chi ce l’aveva? "Cercavo un amico – ha detto nel dopo-gara, col sorrisetto da presa in giro –. Avevo invitato una persona in trobuna e non la trovavo". E ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?