Hakim Ziyech, 28 anni, 23 presenze e due gol al Chelsea: prima 112 partite e 38 gol all’Ajax in quattro stagioni dal 2016 al 2020
Hakim Ziyech, 28 anni, 23 presenze e due gol al Chelsea: prima 112 partite e 38 gol all’Ajax in quattro stagioni dal 2016 al 2020
di Luca Talotta Milano Un Milan incompleto, ma che ha tanta voglia di esplodere e partire con il piede giusto. Domani sera (ore 20.45) i rossoneri saranno di scena a Genova contro la Sampdoria per la loro prima gara ufficiale della stagione, anche se i pensieri sono rivolti più che altro a quello che accade fuori dal campo, a questi ultimi nove giorni infuocati di calciomercato nel quale la dirigenza proverà a piazzare ancora due colpi per dare a Stefano Pioli una rosa la più completa possibile. All’appello mancano ancora un mediano, un trequartista ed un altro attaccante giovane da affiancare al...

di Luca Talotta

Milano

Un Milan incompleto, ma che ha tanta voglia di esplodere e partire con il piede giusto. Domani sera (ore 20.45) i rossoneri saranno di scena a Genova contro la Sampdoria per la loro prima gara ufficiale della stagione, anche se i pensieri sono rivolti più che altro a quello che accade fuori dal campo, a questi ultimi nove giorni infuocati di calciomercato nel quale la dirigenza proverà a piazzare ancora due colpi per dare a Stefano Pioli una rosa la più completa possibile.

All’appello mancano ancora un mediano, un trequartista ed un altro attaccante giovane da affiancare al duo di ‘vecchietti’ composto da Ibrahimovic e Giroud, visto che l’arrivo di Florenzi (ieri la sua presentazione ufficiale) ha colmato il vuoto lasciato sull’out di destra dalla partenza di Dalot e da quella, possibile, di Castillejo.

Il nome in rampa di lancio per crescere all’ombra dei due giganti Ibra e Giroud in attacco è quello di Pietro Pellegri: un enfant prodige del calcio italiano, capace di segnare una doppietta in Serie A a 16 anni e una manciata di giorni (terzo di sempre alle spalle di Amedei e Rivera) ma persosi poi per i molteplici infortuni che ne hanno minato la carriera. È ancora giovane (è un classe 2001) e ha tutte le prerogative per tornare ad essere un crack; ieri, nel match tra il Monaco e il Lens della terza giornata del campionato francese, non era nemmeno in panchina, segno che ormai la trattativa è alle battute finali. Il Milan pagherà un milione di euro per il prestito e altri sei di riscatto, che diventa obbligatorio ad un numero di presenze non altissimo. C’è anche un milione di bonus per la qualificazione in Champions e una percentuale sulla futura rivendita. Il suo sbarco a Milano potrebbe avvenire già nella giornata di domani, con Pellegri che potrebbe accomodarsi in tribuna a Genova per gustarsi Sampdoria-Milan. In mediana i giochi sembrano fatti per il ritorno in rossonero di Bakayoko: il centrocampista francese, che sarà utile soprattutto a gennaio quando Kessie e Bennacer saranno assenti causa Coppa d’Africa (e il calendario vedrà i rossoneri affrontare Roma, Juventus e Inter tra le altre), arriva in prestito oneroso (1,5 milioni (con diritto di riscatto, che anche qui diventerà obbligo in caso di qualificazione alla Champions League (15 milioni la spesa totale).

L’eventuale arrivo dell’ex Napoli non escluderebbe l’acquisto del connazionale Adli, ma la trattativa con il Bordeaux, che sta tirando ancora su il prezzo, vive una fase di stallo.

Capitolo trequartista: il Milan aspetterà gli ultimi giorni per provare a piazzare il colpo ad effetto: Vlasic piace, ma la prima scelta rimane Ziyech, marocchino del Chelsea che potrebbe sbarcare solo in prestito. Domani, intanto, è già tempo di campionato: pochi dubbi per Pioli, che dovrà rinunciare agli infortunati Kessie e Ibrahimovic e avrà un Florenzi non ancora al 100%. La formazione è presto fatta, con Kjaer e Tomori coppia di difesa, Bennacer-Tonali diga in mediana e Saelemaekers, Brahim Diaz e Leao alle spalle di Giroud.