Il quartetto azzurro d’argento
Il quartetto azzurro d’argento

Completando la sua bella collezione di basiliche (Burgos e Santiago alla Vuelta, San Luca all’Emilia), Primoz Roglic vince anche a Superga, entra nell’albo d’oro della Milano-Torino e si candida per il Lombardia di sabato. Sul colle torinese lo sloveno, 13 successi in stagione, stacca Adam Yates negli ultimi 500 metri, terzo Almeida davanti a Pogacar. In ritardo Nibali, bene il talento della mtb Juri Zanotti, stagista con la Bardiani Csf. Oggi il Gran Piemonte con Sonny Corbelli favorito.

Agli Europei della pista a Grenchen, in Svizzera, arrivano le prime medaglie azzurre, entrambe d’argento. A firmarle sono Letizia Paternoster, che nell’eliminazione chiude alle spalle della francese Fortin, e il quartetto femminile formato da Rachele Barbieri, Martina Fidanza, Silvia Zanardi e Martina Alzini, che in finale deve arrendersi alla superiorità della Germania. Orfano di Ganna, che tornerà ai Mondiali di fine mese a Roubaix, il quartetto maschile (Bertazzo, Lamon, Milan e Scartezzini) cede il passo alla Danimarca e resta fuori dalla corsa alle medaglie. Nelle altre prove, Donegà dodicesimo nella corsa a punti, niente finale per la Bissolati nella velocità e Pinazzi nel chilometro. a. cos.