Domani Renzo Ulivieri soffia sulle 80 candeline. Cifra tonda e impegnativa per un uomo che nella vita ha saputo coniugare molteplici passioni: il calcio, la politica, le donne ("mi sono sempre piaciute molto, non farmi dire altro"), l’impegno civile e il coraggio di metterci la faccia sempre.

Nato a San Miniato (Pisa) il 2 febbraio 1941, Ulivieri nella sua ultraquarantennale carriera di allenatore dopo aver l’apprendistato tra i dilettanti (San Miniato, Fucecchio, Cuoiopelli, ma anche la Primavera del Prato) ha guidato Empoli, Fiorentina (Primavera), Ternana, Vicenza, Perugia, Sampdoria, Cagliari, Modena, Bologna, Napoli, Cagliari, Parma, Torino e Padova. Tra i suoi successi la doppia promozione dalla C alla A col Bologna di Gazzoni, dal 1994 al 1996. Dal 2006 è presidente dell’Aiac (Associazione italiana allenatori calcio), ruolo per cui si ricandiderà a breve. Oggi allena le ragazze del Pontedera in B.