E’ un po’ come se sabato, in ogni casa italiana, si spegnessero le candeline. Perché Francesco Moser è uno di quei personaggi che appartengono a tutto il Paese, uno degli sportivi più popolari della nostra storia tricolore. Un ciclista capace di uscire dal perimetro della sua specialità per diventare patrimonio di tutti. Sabato 19 giugno il grande Moser compie 70 anni e per l’occasione da domani sarà in...

E’ un po’ come se sabato, in ogni casa italiana, si spegnessero le candeline. Perché Francesco Moser è uno di quei personaggi che appartengono a tutto il Paese, uno degli sportivi più popolari della nostra storia tricolore. Un ciclista capace di uscire dal perimetro della sua specialità per diventare patrimonio di tutti.

Sabato 19 giugno il grande Moser compie 70 anni e per l’occasione da domani sarà in edicola con QN Il Resto del Carlino, La Nazione e il Giorno il libro "Francesco Moser", un volume - in collaborazione con ’Azzurra Music’ - dedicato alla vita e alla gesta d

Il libro resterà in edicola per un mese (in vendita facoltativa a 9,90 euro oltre al costo del quotidiano). Il libro è curato da Beppe Conti, il giornalista che ha seguito Moser in ogni gara durante la sua lunga carriera. Una carriera costellata di vittorie, con il traguardo tagliato tantissime volte per primo. Dal record dell’ora al Giro d’Italia, alle tre ’Parigi-Roubaix’ vinte di fila fino ai campionati mondiali in pista e in strada. Per non dimenticare il ’Superprestige’, un altro mondiale, ma a punteggio, ideato dai francesi e che in trent’anni esatti ha visto soltanto Moser tra gli italiani vincitori. "Francesco è il campione che ha ottenuto il maggior numero di successi, ben 279", come sottolinea Conti nell’introduzione di un libro pieno di ricordi e immagini emozionanti.

Ma il volume "Francesco Moser" vuole andare a scavare anche nell’uomo Moser. Nelle pagine si va oltre i successi sportivi per arrivare alla ricerca di quello che è l’insegnamento principale consegnato dal grande ciclista trentino e, riassunto nel suo motto: "Un passo alla volta e con i piedi ben piantati in terra, nessuna meta è irraggiungibile". E’ proprio questa la lezione che Moser ha consegnato all’Italia e al mondo intero: con la fatica e la dedizione nulla è impossibile.

A far da sfondo nelle pagine del libro c’è poi un’epoca importante della nostra vita, bellissima da rivivere: quegli anni settanta e ottanta che sono bauli ricchi di ricordi, di storie e di significati.