di Paolo Grilli Il popolo del calcio si è stretto all’istante intorno a Christian Eriksen. Il dramma del campione danese ha sconvolto tutti in un mondo che vive anche di divisioni ma che alle 18.43 di ieri si è ritrovato unanimemente sprofondato in un incubo. Il talento danese, uno dei campioni più riconosciuti con il suo passato all’Ajax in Olanda, in Premier League con il Tottenham e il recentissimo scudetto con la maglia dell’Inter, ha ricevuto un abbraccio virtuale fatto di milioni di messaggi postati subito sui social. "I nostri pensieri e le...

di Paolo Grilli

Il popolo del calcio si è stretto all’istante intorno a Christian Eriksen. Il dramma del campione danese ha sconvolto tutti in un mondo che vive anche di divisioni ma che alle 18.43 di ieri si è ritrovato unanimemente sprofondato in un incubo. Il talento danese, uno dei campioni più riconosciuti con il suo passato all’Ajax in Olanda, in Premier League con il Tottenham e il recentissimo scudetto con la maglia dell’Inter, ha ricevuto un abbraccio virtuale fatto di milioni di messaggi postati subito sui social.

"I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per Christian Eriksen e la sua famiglia. Il mondo del calcio è unito sperando in buone notizie. Conto di ritrovarti presto in campo. Chris! Sii forte", ha twittato Cristiano Ronaldo ancora prima che arrivassero notizie confortanti sullo stato di salute del fantasista crollato a terra e rianimato sul campo di gioco a Copenaghen.

"Forza Chris", ha postato su Instagram il presidente dell’Inter, Steven Zhang, e quasi nello stesso momento è arrivato il messaggio del club nerazzurro dai suoi canali social ufficiali: "Forza Chris, ogni nostro pensiero è per te!". Appena dopo che le drammatiche immagini del giocatore a terra avevano invaso tutti i media, l’a.d. nerazzurro Beppe Marotta si era messo in contatto con la federazione danese e aveva potuto parlare di "cauto ottimismo" dopo che i filmati avevano fatto temere il peggio. "Forza Chris", seguito dalle emoticon di braccio che mostra il muscolo, e da quella di un cuore rosso fuoco. È il messaggio che Antonio Conte, ormai ex allenatore dell’Inter, ha pubblicato sul proprio account di Instagram.

"Tutta la nostra forza e il nostro sostegno", l’incoraggiamento del Real Madrid a Christian. "I numeri 10 non mollano mai. Forza Christian siamo con te!", ha poi twittato Francesco Totti. Col passare dei minuti, mentre filtravano notizie sempre più consistenti sullo scampato pericolo, sono arrivate altre ondate di messaggi. "Auguro a Eriksen una rapida ripresa, la famiglia del calcio è forte e unita", ha postato il presidente Uefa Aleksander Ceferin. "Guarisci presto, Christian. Tutta la famiglia degli Spurs è con te", ha scritto il Tottenham sui social. Con gli Spurs, il danese aveva raggiunto la finale Champions del 2019. "Forza Eriksen", ha postato il Milan.

Un tweet ieri ha aggiunto ulteriori brividi, mentre la speranza si rifaceva spazio. "Please God", "Ti prego, Dio". Il suo autore è stato Fabrice Muamba, ex giocatore congolese della Premier: nel 2012, quando militava nel Bolton, ebbe un infarto durante una partita contro il Tottenhem e rimase un’ora e 18 minuti senza conoscenza, venendo sottoposto a massaggio cardiaco e defibrillatore. Miracolosomante Muamba si riprese, senza riportare danni cerebrali, ma fu costretto al ritiro.