Lionel Messi prende per mano l’Argentina nel giorno della sua 148esima partita con la maglia Albiceleste. Il fuoriclasse del Barcellona - ora il giocatore con più presenze in nazionale staccando Javier Mascherano - è il protagonista assoluto a Cuiabù, nel 4-1 alla Bolivia che permette alla Seleccion di chiudere al primo posto il gruppo A: ai quarti se la vedrà con l’Ecuador. Al 6’ è Messi a fornire l’assist al Papu Gomez per il gol che sblocca la partita, poi al 33’ realizza il rigore concesso per un fallo proprio sull’ex atalantino mentre al 42’ scatta sul filo del fuorigioco sulla verticalizzazione di Aguero e con un delizioso pallonetto beffa il portiere boliviano in uscita. La Bolivia prova a riaprirla con Saavedra al 60’ ma passano cinque minuti e ci pensa l’interista Lautaro Martinez a chiudere definitivamente i conti. Per il Toro una sorta di liberazione, dopo essere rimasto a secco nelle prime tre gare di questa Coppa America. "Un attaccante vive per il gol ma ho la coscienza a posto perché do sempre tutto".