Bolzano, 28 dicembre 2015 - Carolina Kostner tornerà a gareggiare il 16 gennaio 2016 a Osaka in Giappone in occasione della terza edizione del Medal Winners Open, gara di pattinaggio di figura alla quale possono partecipare atleti ancora in attività e professionisti. La pattinatrice gardenese fino al 31 dicembre è squalificata a seguito del coinvolgimento nel caso della positività all’eritropoietina dell’ex fidanzato Alex Schwazer

"Non vedo l'ora - scrive la Kostner, inviando un messaggio dal sito del Medal Winners Open -. Dopo un lungo periodo di stop forzato dalle competizioni sono felice di tornare proprio in Giapppone". E' qui infatti che qui che la pattinatrice disputò l'ultima gara prima della squalifica. Al Mondiale di Saitama del marzo 2014 si classificò terza. Intanto la Kostner domani sera si esibirà in uno show a Courmayeur. 

L'altoatesina si trova nello status di atleta squalificata perché in data 30 luglio 2012 a Oberstdorf aveva mentito all'ispettore Wada la presenza all'interno del suo appartamento dell'ex fidanzato Alex Schwazer, poche ore dopo trovato positivo ad un controllo antidoping. Ad infliggere la squalifica iniziale alla Kostner era stata la Seconda Sezione del Tribunale Antidoping del Coni perché ritenuta complice del mancato controllo di Schwazer. Successivamente in un accortdo trovato tra Carolina, la Procura Antidoping della Nado Italia ed il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna, difronte all'ammissione di colpa della pattinatrice, è stata aumentata la squalifica ma nello stesso tempo concessa la retrodatazione al primo aprile 2014 per "lungaggini procedurali non attribuibili all'atleta".

Del ritorno di Karolina Kostner ha parlato anche la due volte campionessa mondiale di pattinaggio artistico su ghiaccio, la giapponese Miki Ando, ospite di una pista di Roma dove si è allenata insieme ai ragazzi italiani: "Sono cresciuta con Carolina Kostner, abbiamo iniziato insieme fin da primo Gran Prix Junior, nel 2001-2002 mi pare, abbiamo gareggiato fin da subito insieme e siamo amiche", ha raccontato Miki Ando. "Non spetta a me giudicare questa vicenda, ma credo che Carolina abbia passato un brutto momento, quando la vedete, negli spettacoli, davanti al pubblico non traspare mai, lei si preoccupa di fare il suo lavoro, di pattinare e questo è bello, è davvero una grande professionista".