Hakan Calhanoglu, 27 anni, in scadenza al Milan
Hakan Calhanoglu, 27 anni, in scadenza al Milan
di Mattia Todisco L’Inter comincia a muoversi per trovare un sostituto di Achraf Hakimi. Il marocchino è nel mirino di Paris Saint-Germain e Chelsea, anche se l’affare in uscita non è così vicino a concludersi la dirigenza si sta cautelando per dare a Simone Inzaghi un giocatore di qualità che possa mantenere alto il valore della rosa. Ieri nella sede nerazzurra si è visto Frederico Pena, procuratore di Emerson Royal, accompagnato dal collega Valerio Giuffrida. La dirigenza interista ha espresso il proprio interesse per l’esterno brasiliano, elemento di fascia destra appena...

di Mattia Todisco

L’Inter comincia a muoversi per trovare un sostituto di Achraf Hakimi. Il marocchino è nel mirino di Paris Saint-Germain e Chelsea, anche se l’affare in uscita non è così vicino a concludersi la dirigenza si sta cautelando per dare a Simone Inzaghi un giocatore di qualità che possa mantenere alto il valore della rosa. Ieri nella sede nerazzurra si è visto Frederico Pena, procuratore di Emerson Royal, accompagnato dal collega Valerio Giuffrida. La dirigenza interista ha espresso il proprio interesse per l’esterno brasiliano, elemento di fascia destra appena riacquistato dal Barcellona dopo l’esplosione al Betis Siviglia. Costo dell’operazione attorno ai 20-25 milioni di euro, 9 dei quali andranno agli andalusi nel caso in cui il verdeoro dovesse muoversi in questa sessione estiva di calciomercato. Sempre ieri è rimbalzata una notizia importante dalla Germania che riguarda l’altra corsia, quella di sinistra. L’Inter avrebbe infatti trovato un accordo con l’entourage di Filip Kostic, serbo dell’Eintracht Francoforte da sempre pallino di Piero Ausilio, reduce da una stagione con 4 gol e 17 assist. I tedeschi chiedono una cifra molto simile a quella che i nerazzurri dovrebbero sborsare per Emerson Royal. Nonostante giochi sul fronte opposto, Kostic potrebbe anch’egli essere un sostituto di Hakimi dirottando Darmian e Young a destra. Sia l’Inter che il Milan stanno lavorando anche su operazioni più piccole. I nerazzurri sono vicini a cedere Joao Mario allo Sporting Lisbona per 7,5 milioni di euro, lascerà invece i rossoneri Diego Laxalt, diretto alla Dinamo Mosca (3 milioni di euro l’indennizzo per il Diavolo). Fra le trattative che Maldini e Massara stanno portando avanti, quelle più "calde" riguardano il Chelsea. Si attendono segnali dai Blues sia per Tomori, che i campioni d’Europa continuano a valutare 28 milioni di euro, che per Giroud, a cui è stato appena rinnovato il contratto unilateralmente di un anno ma che potrebbe liberarsi a zero in virtù di un gentleman agreement con il club d’appartenenza. Più bloccato ad oggi il mercato della Juventus. Molto dipende da Cristiano Ronaldo. Se andrà via libererà 30 milioni netti annui a bilancio, in caso contrario bisognerà fare grande attenzione alle spese. L’obiettivo principale resta sempre Locatelli, ma la concorrenza (soprattutto in Europa) non manca. In tema di Europei, a farla da padrone è sempre l’Olanda con il Psg che ha ufficializzato oggi l’acquisto a parametro zero di Georginio Wijnaldum dal Liverpool e a proposito di calciatori svincolati c’è Calhanoglu che con la Turchia affronterà l’Italia e ora non più intenzionato ad accettare la proposta del Qatar. L’Europeo può attirare l’interesse di altri club, ma in caso contrario potrebbe anche trattare il rinnovo con i rossoneri che per sostituirlo hanno pensato a Vlasic, ventitreenne del CSKA Mosca che vale già 30 milioni e si contenderà un posto da titolare nella Croazia con Rebic.