Piotr Zielinski (Ansa)
Piotr Zielinski (Ansa)

Napoli, 5 luglio 2021 - Da intoccabile a possibile sacrificato di lusso della sessione di mercato appena cominciata: la spending review imposta da Aurelio De Laurentiis per sanare i conti del Napoli potrebbe condurre all'inattesa partenza di Piotr Zielinski, uno che fino a qualche mese fa era inserito di diritto nell'elenco degli incedibili.

Il recente rinnovo

 

A scombinare i piani del club partenopeo è stato l'Europeo ancora in corso per Fabian Ruiz ma non per il polacco: eppure, curiosamente, il flop dello spagnolo, spesso relegato in panchina da Luis Enrique, ha spostato i riflettori sull'ex Empoli, che a sua volta nella rassegna continentale non ha fatto comunque vedere il meglio di sé. Forse solo un exploit tardivo di Fabian, ipotesi che ovviamente non si augurano i tifosi italiani, potrebbe scacciare le sirene che al momento tentano non poco sia Zielinski sia il Napoli. E' in particolare il club partenopeo a osservare con attenzione la situazione, visto che il polacco ha da pochi mesi prolungato e rafforzato la sua permanenza all'ombra del Vesuvio con un rinnovo fino al 2024 (con opzione per un ulteriore anno) a cifre nettamente più all'altezza delle sue qualità, come si evince dal nuovo stipendio da 3,5 milioni a stagione che, col senno del poi, stride con l'attuale politica votata al taglio degli ingaggi. In realtà nel contratto del classe '94 dovrebbe figurare anche una clausola rescissoria da 100 milioni che in altri tempi avrebbe fatto la fortuna di De Laurentiis, che avrebbe guadagnato una cifra monstre da una cessione che per la sua modalità avrebbe pure spento sul nascere gli eventuali mugugni dei tifosi, costretti ad accettare passivamente addii del genere.

Sirene dalla Premier

 

Nel frattempo la musica nel mondo del calcio (e non solo) è cambiata a causa di una pandemia che ha obbligato anche le società teoricamente più ricche a rivedere i propri piani in entrata. Il patron, da sempre attento ai conti e ai bilanci, ne è ben consapevole, al punto da dover rivedere le strategie e le ambizioni: assodato che nessuno verserà i soldi della clausola per accaparrarsi Zielinski, urge così ascoltare eventuali offerte che, specialmente dalla Premier League, non dovrebbero mancare. Le preferenze in uscita di De Laurentiis vanno comunque altrove, verso giocatori che chiaramente sono già giunti a fine ciclo in azzurro, come appunto Fabian Ruiz o Kalidou Koulibaly, ma mai come quest'anno il mercato lo faranno le proposte che verosimilmente arriveranno a breve sulla scrivania di Castel Volturno.

Leggi anche - Napoli, su Insigne Barcellona e Tottenham