Abass (ANSA)
Abass (ANSA)

Bologna, 15 giugno 2020 – Prosegue il duello a distanza a suon di colpi di mercato tra l’Olimpia Milano e la Virtus Bologna che oggi, dopo un lungo corteggiamento, ha annunciato la firma su un contratto triennale di Awudu Abass, reduce da due stagioni alla Germani Brescia. L’azzurro è stato subito presentato alla stampa e ha subito ribadito le proprie ambizioni: “Non sono qui solo per l’Eurolega. La crescita di questa società è tangibile – ha detto l’ala nativa di Como – e i propositi sono davvero ottimi. Ho tanta voglia di tornare a giocare con questa maglia. Sarà una sfida molto bella anche perché ci saranno tanti nuovi regolamenti da rispettare”. Alla conferenza era presente anche il patron bianconero Massimo Zanetti che ha rilanciato l’ambizione del club felsineo di partecipare all’Eurolega e ha lanciato un paio di frecciate a Milano: “Noi aspettiamo l’Eurolega e l’Eurolega aspetta noi. L’obiettivo è quello di andarci. Stiamo aspettando di capire cosa succedere con la possibile uscita del Panathinaikos perché ci è stato detto che se si liberasse quel posto saremmo in pole position per occuparlo. Abbiamo fatto tutto quanto necessario a livello burocratico per partecipare, siamo in possesso dei requisiti e abbiamo allestito una squadra all’altezza per la competizione. Milano? Al club che spende di più faceva forse comodo annullare la stagione perché non stavano andando bene. Stiamo cercando di contrastarli. Ogni volta che vogliamo un giocatore arrivano loro che lo strapagano. Non vogliamo partecipare a questa rincorsa. Peccato perché bruciano giocatori italiani soprattutto giovani”.

Nel frattempo, con un colpo a sorpresa la Dinamo Sassari ha annunciato la permanenza sulla panchina biancoblu di Gianmarco Pozzecco che ieri sembrava al passo d’addio (Jasmin Repesa era pronto per subentrargli) per una presunta diversità di vedute con il presidente Stefano Sardara che oggi ha spento prontamente il fuoco: “Con Gianmarco – ha spiegato Sardara – ci eravamo detti che era il momento giusto per fare un bilancio del nostro rapporto lavorativo e d’amicizia durante questa pausa di riflessione siamo rimasti sconcertati dell’approccio alle notizie del mondo che circonda la pallacanestro… Il mondo del basket deve prendere l’occasione per migliorarsi, quando succedono queste cose bisogna rispettare le scelte della società, Gianmarco Pozzecco resta l’allenatore della Dinamo, ne avete fatto una tempesta in un bicchiere mentre stavamo tutti solo riflettendo”. A fargli eco lo stesso Pozzecco: “Questi giorni di riflessione hanno provocato in me una tempesta ormonale. Io e Sardara viviamo la Dinamo in modo viscerale e continueremo a farlo per il bene della società sperando di non litigare. Ho capito quando anni fa Gigi Riva fece determinate scelte. Ora sono pronto e non vedo l’ora di riabbracciare i miei collaboratori e giocatori”.

Infine è arrivata anche la conferma della richiesta di riposizionamento in Serie A2 fatta dal Pistoia Basket che non è riuscita a reperire le risorse per restare nel massimo campionato: “Si tratta di una decisione dolorosa, sofferta e quanto mai difficile - ha dichiarato il presidente del club toscano, Massimo Capecchi - abbiamo lavorato fino all'ultimo per verificare se potevano esserci i presupposti per provare a mantenere la massima serie, con esito negativo. Schiacciati tra la ristrettezza dei tempi e l'assenza di certezze, ci siamo così trovati costretti a fare un passo indietro per garantire la sopravvivenza della pallacanestro a Pistoia".