1 mag 2022

Vicenza-Lecce, il lancio di petardi diventa un caso. I veneti: "Pronti a tutelarci"

Sui social i tifosi salentini attaccano: "Situazione architettata dal Vicenza". Ma i biancorossi non ci stanno e replicano a tono

francesco bocchini
Sport
Un frame tratto dalla diretta su Dazn mostra lo stop a Vicenza-Lecce per un petardo che ha costretto all'uscita dal campo il portiere dei veneti. Una bomba carta � stato lanciata in campo dalla curva occupata dai tifosi del Lecce, il portiere vicentino Nikita Contini � rimasto a terra ed � stato poi portato fuori in barella. ANSA/DAZN +++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY+++ NO TV USE +++
Un frame tratto dalla diretta su Dazn mostra lo stop a Vicenza-Lecce per un petardo

 

Vicenza, 1 maggio 2022 - Roventi polemiche dopo i fatti che hanno caratterizzato Vicenza-Lecce di Serie B. Durante il secondo tempo, dopo la rete di Strefezza al 24', sono partite alcune bombe carta dalla curva degli ospiti. Ad avere la peggio il portiere locale Contini e un raccattapalle, entrambi rimasti storditi. Alla fine i veneti si sono portati a casa la gara, imponendosi 2-1, ma nel post gara sono stati soprattutto quegli episodi a tenere banco. Anche perché sui social i tifosi salentini stanno accusando: la situazione è stata architettata ad hoc dal Vicenza per provare a ottenere il successo a tavolino. Tanto che il lancio non sarebbe dovuto agli ultras del Lecce, ma agli steward. Le reazioni dei sostenitori giallorossi sono dovute alla diffusione di alcuni video che dimostrerebbero che il petardo non ha colpito nessuno e, comunque, lo scoppio sarebbe avvenuto non vicino a Contini. 

La replica biancorossa

 

A queste accuse, il club vicentino ha voluto immediatamente rispondere a tono. "La società LR Vicenza, in merito ai fatti verificatisi ieri dopo la rete siglata dal Lecce e in considerazione delle ipotesi “creative” che stanno caratterizzando in queste ore le cronache web e social, non può esimersi dal - condannare fermamente il comportamento di alcuni tifosi resisi protagonisti del reiterato lancio di forti petardi, avvenuto anche prima del fatto in oggetto, che hanno costretto al 70’ il portiere Contini e un raccattapalle a lasciare il campo, perché storditi dallo scoppio degli stessi e ad interrompere la gara per circa 10 minuti; – rigettare le farneticanti, risibili e sconsiderate ipotesi, uscite sui social e riprese da alcuni media, tese a scaricare la responsabilità del lancio, invece che dal settore della Curva Nord, sugli steward in servizio a bordocampo, i quali in quel frangente erano impegnati a dirigersi velocemente verso un altro bambino raccattapalle, travolto dalla caduta dei led e rimasto a terra, lievemente ferito ad una gamba. Versione già confermata dalle immagini che escludono tale responsabilità; – riservarsi, all’esito dei necessari approfondimenti delle Autorità competenti e conseguenti riflessioni, ogni eventuale azione a difesa della propria immagine e di quella dei propri collaboratori, nonché dei danni subiti all’impianto bordocampo e ai servizi igienici del settore in oggetto".

Leggi anche: Milan-Fiorentina 1-0

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?