David Okereke in gol nel finale della sfida contro la Roma (Ansa)
David Okereke in gol nel finale della sfida contro la Roma (Ansa)

Venezia, 7 novembre 2021- Una partita incredibile nella splendida cornice del Penzo: il Venezia vince in rimonta contro la Roma, stendendo i giallorossi nel recupero nel giro di pochi minuti. Alla squadra di Mourinho non bastano i gol lampo di Shomurodov e Abraham per evitare la seconda sconfitta consecutiva in campionato. 

Venezia-Roma 3-2, rivivi la diretta

Serie A: Classifica e risultati

Primo tempo

Per la Roma non è l'avvio di partita che aveva pianificato: dopo soltanto 3 minuti di gioco Caldara sfrutta una punizione calciata da Aramu per battere Rui Patricio da due passi e sbloccare la partita. Alla prima azione utile il Venezia passa in vantaggio e riesce a resistere agli assalti dei giallorossi che prima mandano fuori dalla porta un pallone calciato da Shomurodov e poi al 27' trovano anche il palo con il tiro di Abraham, rimpallato male prima da El Shaarawy e poi di nuovo dall'attaccante uzbeko. Le occasioni arrivano per la squadra di Mourinho che riesce a ribaltare tutto prima dell'intervallo: al 43' la Roma trova il pari con il tap-in di Shomurodov e poi in pieno recupero passa anche in vantaggio grazie al sinistro di Abraham, bravo a liberarsi dalla marcatura.

Secondo tempo

Anche la ripresa viaggia sugli stessi ritmi del primo tempo. I giallorossi trovano ancora buone occasioni in attacco senza mai riuscire a concretizzare, poi il Venezia si sveglia e al 61' crea un pericolo con il turo da fuori di Busio. Quattro minuti più tardi Cristante interviene male su Caldara in area regalando ai lagunari un calcio di rigore: dal dischetto va Aramu che non sbaglia e porta la partita sul 2-2. La Roma continua a riversarsi in avanti alla ricerca del nuovo vantaggio, ma incredibilmente è ancora la squadra di Zanetti ad andare in gol al 74', questa volta con Ampadu che innesca in velocità Okereke, una combinazione letale per Rui Patricio che subisce il terzo gol. Prima della fine c'è tempo soltanto per la traversa trovata da Caldara e quella di Henry al 90', l'ultima azione di una partita entusiasmante e sempre in bilico. Per Mourinho è il secondo KO consecutivo in campionato, un risultato che fa sorridere gli arancioneroverdi che salgono alla metà della classifica.

Leggi anche - Milan-Inter, le probabili formazioni