Victor Osimhen (Ansa)
Victor Osimhen (Ansa)

Napoli, 18 settembre 2021 - A Leicester si è interrotta la striscia complessiva di vittorie consecutive di Luciano Spalletti, che però in campionato può ancora contare su un ruolino perfetto: l'obiettivo del tecnico toscano e dell'intero Napoli è mantenere questo trend e per farlo dovranno spuntarla sull'Udinese nella gara in programma lunedì 20 settembre alle 20:45.

Le probabili formazioni

Udinese (3-5-2): Silvestri; Becao, Nuytinck, Samir; Molina, Pereyra, Walace, Arslan, Stryger Larsen; Deulofeu, Pussetto. All.: Gotti

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, M. Rui; F. Ruiz, Zambo Anguissa; Politano, Zielinski, Insigne; Osimhen. All.: Spalletti

Orari tv e dove vederla

Udinese-Napoli (fischio d'inizio alle 20:45) sarà tramessa trasmessa da DAZN, la cui app è disponibile anche sui dispositivi TIMVISION BOX, Amazon Fire TV Stick, Google Chromecast, PlayStation 4/5 o Xbox (One, One S, One X, Series X e Series S). Prevista la diretta anche su Sky (canale Sky Sport 4K, numero 213 del satellite).

Qui Napoli

Dalle praterie inglesi al catenaccio friulano: se a Leicester gli azzurri, soprattutto nella ripresa, hanno letteralmente banchettato nelle voragini lasciate dai padroni di casa, alla Dacia Arena, contro l'abbottonatissima squadra di Gotti, il rischio è l'opposto. A pagarne le conseguenze potrebbe essere innanzitutto Osimhen, che sul palcoscenico dell'Europa League ha confermato di essere un 'animale' da spazi aperti: al nigeriano e al resto dell'attacco (completato da Politano, Insigne e Zielinski, con quest'ultimo insidiato da Ounas) il compito di crearsi i pertugi giusti. La mediana sarà composta da Fabian Ruiz e Zambo Anguissa, mentre in difesa alberga un solo dubbio: non il portiere (Ospina), non la coppia centrale (Manolas-Koulibaly), non il terzino destro (l'infaticabile Di Lorenzo), ma quello sinistro, con Mario Rui comunque in vantaggio su Juan Jesus.

Qui Udinese

 

 

Mantenere l'imbattibilità e magari sognare anche lo 'scalpo' di lusso: per compiere la missione la banda Gotti deve uscire indenne dal confronto interno con il Napoli, un po' com'era successo con una Juventus che tuttavia godeva e gode di uno stato di salute ben diverso da quello degli azzurri. A proteggere i pali ci sarà Silvestri, assistito in difesa da Becao, Nuytinck e Samir. In cabina di regia ci sarà Walace, con Arslan e Pereyra come mezzali e Molina e Stryger Larsen sulle corsie esterne a supporto della coppia d'attacco composta da Pussetto e Deulofeu.

Leggi anche - Genoa-Fiorentina 1-2: colpo viola a Marassi