Tatarusanu (ANSA)
Tatarusanu (ANSA)

Milano, 15 settembre 2020 – In casa Milan oggi è stato il giorno di Ciprian Tatarusanu, ultimo acquisto dei rossoneri per puntellare la porta. L’estremo difensore classe 1986, che affiancherà Gigio Donnarumma durante la stagione e che ha già esordito nel secondo tempo dell’amichevole giocata sabato contro il Brescia, è stato infatti presentato alla stampa. Tatarusanu, portiere anche della nazionale romena, non ha nascosto l’orgoglio per il suo approdo in rossonero: “Quando mi ha contattato il Milan ho provato felicità e ho subito preso in considerazione questa opportunità. Il Milan è una grande società in cui tanti vorrebbero essere e che ha avuto molti campioni”. A convincerlo anche i piani ambiziosi del club e la fiducia in lui riposta: “Sento fiducia e so che la società ha l’obiettivo di fare grandi cose. Anche sul mercato sono state fatte operazioni importanti e per questo sono molto fiducioso”. Ad attenderlo, come detto, un ruolo da vice di Gigio Donnarumma. Una sfida ambiziosa: “Mi è capitato di fare il secondo portiere soltanto al Lione. Non è facile e devi sempre dare il 100% sapendo che la domenica non sarai poi titolare. Queste sfide, comunque, mi piacciono e darò tutto sperando di avere la mia occasione”.

Per il più giovane collega rossonero ha poi speso parole di elogio: “Donnarumma è molto bravo a parare rigori. Ricordo una partita giocata contro la Fiorentina e finita 0-0 in cui parò un rigore. E’ molto bravo a pararli perché è alto ma spinge bene sulle gambe. Per chi tira un rigore è molto difficile batterlo. Lo considero giovane ma solo a livello anagrafico e so che a lui posso rubare qualche segreto”. In rossonero Tatarusanu ritroverà Stefano Pioli con cui ha condiviso un breve periodo alla Fiorentina: “Abbiamo lavorato poco assieme ma appena sono arrivato qui mi ha fatto capire cosa chiede ad un portiere”. L’ex Lione, infine, ha elogiato la Serie A e parlato anche della voglia di fare bene in chiave nazionale: “Questo campionato mi piace anche se all’inizio non è stato facile. Si chiede molto ai giocatori e i dettagli fanno la differenza. Farò comunque di tutto per rispettare le richieste del mister. Ritengo poi la Nazionale molto importante e voglio fare ancora bene. Presto giocheremo i playoff contro l’Islanda e anche qua devo impegnarmi al massimo per farmi trovare pronto”.