Le pagelle di Svizzera-Italia (qui la cronaca dello 0-0). Italia-Lituania: quando si gioca. Probabili formazioni e orario tv Donnarumma 6 Akanji lo spaventa con quel colpo di testa nel primo tempo. Con i piedi se la gioca alla grande. Di Lorenzo 5,5 Prima sortita offensiva dopo 23 minuti. Se ne sta prudente nella sua zona difensiva e lassù si vede poco. Brutto errore in disimpegno che poteva costare molto caro. Bonucci 6 Sa che è una di quelle notti in cui, oltre alla raffinatezza del gioco, serve anche...

Le pagelle di Svizzera-Italia (qui la cronaca dello 0-0).

Italia-Lituania: quando si gioca. Probabili formazioni e orario tv

Donnarumma 6 Akanji lo spaventa con quel colpo di testa nel primo tempo. Con i piedi se la gioca alla grande.

Di Lorenzo 5,5 Prima sortita offensiva dopo 23 minuti. Se ne sta prudente nella sua zona difensiva e lassù si vede poco. Brutto errore in disimpegno che poteva costare molto caro.

Bonucci 6 Sa che è una di quelle notti in cui, oltre alla raffinatezza del gioco, serve anche la presenza fisica e di personalità. E la interpreta come deve.

Chiellini 6 Tenuto in fresco per stappare la Svizzera, la mette giù tosta nei duelli con quella faina di Seferovic. Piazza pure qualche zampata, giusto per far capire che lì non si passa.

Emerson 6 L’iniziativa è costante e convinta, ma spesso e volentieri gli manca l’appoggio di Insigne e a volte è costretto a frenare e appoggiare.

Barella 5 Un bel coast to coast in avvio poi, come un gonfiabile al sole, perde pressione. Insolitamente impreciso.

Jorginho 5,5 Gli svizzeri lo braccano perchè sanno che lui è la pietra filosofale del gioco azzurro. E’ meno affilato del solito, ma soprattutto perchè la squadra tende a essere imprecisa. Mamma che rigoraccio!

Locatelli 7 Lui che alla Svizzera ne aveva fatti due, c’è perchè Verratti ha preso una botta. Di gran lunga il numero uno nel primo tempo, con assist pazzeschi e intuizioni geniali.

Berardi 6 Il modo in cui si propone, cuce e riparte sempre pericoloso nei primi 20’ fa annuire convinto Mancini, che l’ha messo al posto di Chiesa. Se però ti mangi un gol come quello, tutto passa in secondo piano. Cala, ma prende un rigore d’oro.

Immobile 5,5 Mancini lo stalkerizza per tutto il primo tempo spiegandogli come muoversi e richiamandolo. Ma se calcisticamente nasci tondo, difficilmente diventi quadrato. Però si danna l’anima, pressa, cerca la via del gol. Sente la pressione.

Insigne 5,5 Svolazza fumosetto senza dare appoggio continuo a Emerson. Gli capitano due belle occasioni ma le sfrutta malino, cercando il cachemire in luogo della sacrosanta sostanza.

Mancini 6 Stavolta sorprende con Berardi per Chiesa, il migliore a Firenze. L’idea è quella di spremere Mimmo e poi giocarsi Fede. Anche stavolta la maledizione del gol lo tormenta ma la squadra è meno precisa e brillante del solito. E soffre.

Zaniolo 5,5 Inserito per dare forza, ma si vede pochino.

Chiesa 6 Frenetico, crea pericoli e spinge.

Verratti 6 Ci prova.

Raspadori e Pessina sv

Italia, gli scenari per la qualificazione ai Mondiali 2022. Classifica e partite