Vignali, Bastoni e Maggiore festeggiano la salvezza dello Spezia (Ansa)
Vignali, Bastoni e Maggiore festeggiano la salvezza dello Spezia (Ansa)

Roma, 15 maggio 2021 - La 37° giornata di Serie A si apre di sabato pomeriggio con i due anticipi delle ore 15: Genoa-Atalanta e Spezia-Torino. Nella prima la Dea vince con brivido finale contro i rossoblù, comunque già salvi dal pericolo retrocessione; nella seconda liguri e granata si affrontano in uno scontro diretto per la salvezza, dal quale escono vittoriosi i ragazzi di Italiano.

In classifica l'Atalanta conferma il secondo posto a quota 78 punti, mentre il Genoa rimane a 39. Lo Spezia ottiene la salvezza aritmetica grazie ad i suoi attuali 38 punti, mettendo in serio pericolo il Torino fermo a 35, a sole quattro lunghezze dal Benevento terzultimo.

Genoa-Atalanta 3-4: la cronaca

Ballardini e Gasperini si schierano con la difesa a tre; il primo con Pjaca e Destro terminali offensivi, il secondo con Miranchuk e Malinovskyi alle spalle di Zapata. Il Genoa parte forte e colpisce un palo con Masiello al 2', ma a passare in vantaggio è l'Atalanta al 9'. Zapata chiude un triangolo con Malinovskyi all'altezza della lunetta dell'area di rigore, calcia di destro e firma l'1-0. La Dea allunga sfruttando ancora questo tandem, ma a ruoli invertiti: al 28' Zapata va sul fondo, riesce a tenere il pallone in campo e serve in mezzo Malinovskyi, che regala il 2-0 ai suoi. I bergamaschi continuano a martellare e al 44' si trovano già sul 3-0. Malinovskyi mette un cross dalla sinistra, sul secondo palo Hateboer effettua una sponda aerea e in mezzo arriva puntuale Gosens, che incorna davanti alla porta sguarnita.

Ad inizio ripresa Djimsiti pasticcia, perde palla al limite dell'area e Shomurodov ne approfitta per realizzare la rete dell'1-3. Il Grifone però subisce subito, al minuto 50, la quarta rete da Pasalic. Gosens commette un'ingenuità allargando il braccio su un cross proveniente dalla destra e regalando un penalty. Pandev dagli undici metri si iscrive al registro dei marcatori con la rete del 2-4. Gli ospiti si addormentano un po' anche nel finale, quando Shomurodov realizza il 3-4 all'85'.

Spezia-Torino 4-1: la cronaca

Italiano sceglie il 4-3-3 con Saponara, Nzola e Agudelo davanti, mentre Nicola opta per la difesa a tre e le due punte Belotti-Sanabria. L'equilibrio della partita viene rotto improvvisamente da un lampo di Saponara, che al 19' buca le mani di Sirigu con un destro scoccato dal centro-sinistra dell'area. Il Torino continua a non calciare verso la porta avversaria e, anzi, regala un rigore ai liguri. Vojvoda entra in ritardo su Pobega e al 41' Nzola concretizza il 2-0 dagli undici metri.

I granata cambiano mentalità nel secondo tempo e accorciano il distacco al 54', grazie ad un calcio di rigore concretizzato da Belotti che risulta però essere un fuoco di paglia. Nzola mette a segno la propria doppietta personale al 74', poi Erlic chiude definitivamente i giochi con il 4-1 al minuto 84.

Leggi anche: Atp Roma, Sonego-Djokovic in diretta tv