Spezia-Juve, De Ligt celebra il gol (Ansa)
Spezia-Juve, De Ligt celebra il gol (Ansa)

La Spezia, 22 settembre 2021 - Prima, sudatissima vittoria della Juventus in questo campionato. La Signora espugna per 2-3 il "Picco" di La Spezia, ma che fatica per i torinesi. Max Allegri deve ringraziare i "discussi" Chiesa e de Ligt, che nella ripresa ribaltano il vantaggio dei liguri. Liguri che a loro volta erano riusciti a portarsi avanti per 2-1 dopo aver rimontato l'iniziale gol di Kean. Di Gyasi (esultanza alla Cristiano Ronaldo) e Antiste le reti illusorie per la truppa di Thiago Motta, che tiene sulla corda Madama fino alla fine. A Dybala e compagni serve infatti una super parata di Szczesny all'84' per blindare i tre punti. 

Cinque cambi nella Juve

Nessuna sorpresa di formazione nello Spezia, che si schiera con il terzetto Verde-Maggiore-Gyasi alle spalle di Antiste. Tante novità sul fronte juventino, con Allegri che ne cambia cinque rispetto alla sfida con il Milan. Dentro dal primo minuto Chiesa, de Ligt, De Sciglio, McKennie e Kean. A partire meglio sono i padroni di casa, che provano a fare possesso palla. La Signora è piuttosto passiva e aspetta nella propria metà campo, ma quando si affaccia in avanti è pericolosa. Come al 6', quando il cross dalla destra di Chiesa trova l'inserimento di Kean, il cui tiro (deviato) termina di poco sul fondo. Altra occasione per gli ospiti al 14': sugli sviluppi di un angolo, la palla finisce fra i piedi di de Ligt, che da ottima posizione spara alto. 

Gyasi risponde a Kean

Con il trascorrere dei minuti la squadra di Allegri prova a prendere in mano la partita. Gli spazi però scarseggiano e allora servono conclusioni da fuori: Kean recepisce l'indicazione dalla panchina e al 27' scaglia un preciso destro - dopo l'assist di testa di Rabiot - che bacia il palo e gonfia la rete. Neanche il tempo di festeggiare però che i piemontesi subiscono la reazione veemente dello Spezia: al 32', prima Verde impegna severamente Szczesny, poi Gyasi si inventa il tiro a giro che trafigge il portiere polacco. Parità ristabilita al "Picco". Sul finale di tempo è Dybala a caricarsi la squadra sulle spalle. La Joya si guadagna un paio di punizioni, ma soprattutto si rende protagonista di un tiro spedito in corner da Zoet. E' l'ultima emozione prima dell'intervallo. 

Antiste manda avanti lo Spezia

Pronti via nella ripresa e clamorosamente i ragazzi di Thiago Motta ribaltano il risultato: con la Juventus sbilanciata in avanti, Antiste al 49' la prende d'infilata, sfida Bonucci e de Ligt e con un destro chirurgico segna a Szczesny. Immediata la risposta dei viaggianti, ma sul colpo di testa di Kean è attento Zoet. Madama si getta a capofitto in attacco e al 56' sfiora con McKennie quel pari negatole quattro minuti più tardi anche da Zoet, che respinge il mancino di Dybala. Inevitabilmente la Signora scopre i fianchi alle ripartenze avversarie e al 65' è decisivo Locatelli, che salva sulla linea la conclusione di Antiste.

Chiesa e de Ligt la ribaltano

Scampato il pericolo, la Juventus torna ad affacciarsi nell'area ligure. A sfondare il muro spezzino è Chiesa, che dopo un batti e ribatti si inventa un tunnel e il tocco delicato che non perdona Zoet. I piemontesi sanno di aver bisogno necessariamente di un successo e allora non allentano la pressione offensiva. Pressione che viene premiata al 72', quando da corner de Ligt firma di destro il 2-3. Gara vibrante quella di La Spezia, anche perché i locali non hanno nessuna intenzione di mollare. E all'84' occorre un vero e proprio miracolo di Szczesny per dire di "no" a Maggiore. Madama chiude in sofferenza, ma con le unghie e con i denti riesce finalmente a sbloccarsi in campionato. 

Leggi anche: Roma-Udinese, probabili formazioni e dove vederla