Antonio Conte (Ansa)
Antonio Conte (Ansa)

Colonia, 22 agosto 2020 - "Adesso ci prenderemo due-tre giorni di vacanza, e a mente fredda ci incontreremo, è giusto così. Si farà poi una disamina della stagione, di tutto. In maniera serena cercheremo di pianificare eventualmente il futuro dell'Inter, con o senza di me". Antonio Conte è deluso ai microfoni di Sky Sport, dopo Siviglia-Inter 3-2. "Non penso che questo lo dobbiate dire voi. È giusto prendersi due giorni, riposare tutti. Bisogna prendere la decisione migliore per il bene per l'Inter, non c'è astio. Ci sono vedute diverse. Ringrazio per quest'opportunità, allenare l'Inter ne è valsa la pena".

Il tecnico salentino sottolinea poi che "non c'è rancore nei confronti di niente e di nessuno, né dei dirigenti verso di me né da parte mia verso di loro, sono persone con cui avevo già lavorato". Ma ci sono vedute diverse con la società, Conte continua: "È una questione di punti di vista, di alcune situazioni che io ho affrontato e non mi sono piaciute. Io ho anche una famiglia e devo capire se la priorità diventa il calcio o la famiglia. Se alcune situazioni devono influire sulla famiglia, questo non va più bene. A tutto c'è un limite, e io devo capire fin dove arriva il mio. Sarò sempre grato alle persone che mi hanno dato l'opportunità, per fare un'annata bella e un percorso bello. Ma al tempo stesso è stata tosta. Ho già detto quel che pensavo, io non faccio marcia indietro, se si potrà migliorare si farà.

Zang

"Conte ha fatto un grande lavoro e il bilancio della stagione è positivo. L'Inter ha intrapreso un percorso che l'ha vista arrivare in finale di Europa League. Stiamo facendo un ottimo lavoro e vogliamo continuare in questa direzione. Siamo ottimisti", così il presidente dell'Inter Steven Zhang dopo la sconfitta dei nerazzurri. "Ora ci riposiamo. Dai giocatori allo staff: tutti si meritano di allentare i ritmi. Useremo il prossimo periodo per pianificare il futuro. Ma la mentalità non cambierà, vogliamo migliorare nella prossima stagione", ha aggiunto Zhang. Infine il patron dell'Inter ha voluto fare anche una dedica speciale: "Voglio ringraziare tutti gli operatori medici che stanno permettendo al calcio di andare avanti. Senza queste persone non potremmo essere qui oggi. Vogliamo dedicare questa finale ai loro sforzi", ha concluso il presidente nerazzurro. 

Siviglia, Covid: festa a casa

Campioni sì, ma una festa responsabile, è l'appello lanciato dal Siviglia ai propri tifosi dopo il trionfo in Europa League contro l'Inter per 3-2. L'emergenza sanitaria legata al Covid-19 preoccupa il club andaluso: "E' una notte felice, l'ennesima, per la città di Siviglia - si legge nel comunicato pubblicato dal club spagnolo - Abbiamo alzato per la sesta volta l'Europa League. D'altro canto, la situazione eccezionale che stiamo vivendo nel 2020 ci obbliga a festeggiare in un modo diverso. Per questo chiediamo ai nostri tifosi di godersi questo trionfo con moderazione e responsabilità, come hanno sempre fatto da quando la stagione è ripresa nel mese di giugno. Il Siviglia raccomanda ai suoi tifosi di festeggiare a casa, con familiari e amici, evitando assembramenti. Andiamo avanti con responsabilità, campioni". 

I tifosi del Siviglia hanno ascoltato l'appello della società a festeggiare in casa (Ansa)