Il Venezia vola in A, immagine di repertorio
Il Venezia vola in A, immagine di repertorio

Venezia, 27 maggio 2021 - Venezia e Cittadella si affrontano allo stadio Penzo nel ritorno della finale playoff di Serie B. I lagunari, forti della vittoria per 1-0 maturata all'andata e della miglior posizione in classifica al termine della regular season, hanno la chance di gestire il vantaggio. I granata si portano in vantaggio al 25' con la rete di Proia e rimangono con l'uomo in più dal 36', grazie all'espulsione di Mazzocchi tra le fila dei padroni di casa. Nella ripresa Bocalon pareggia al minuto 93, scrivendo la parola fine alla sfida e regalando l'approdo in Serie A al Venezia.

Primo tempo

Zanetti schiera un 4-3-3 con Aramu, Forte e Di Mariano nel reparto offensivo. Venturato opta per il centrocampo a rombo con Proia vertice alto alle spalle di Beretta e Tsadjout. Il Cittadella spinge con convinzione ma a calciare verso lo specchio avversario è il Venezia. Aramu scalda i guanti di Kastrati al 10' con una conclusione dalla distanza, poi Forte gira di testa da posizione complicata al 18'. L'equilibrio si spezza al 25': Iori imbuca un filtrante delizioso per Proia, che approfitta della disattenzione della difesa dei lagunari per battere il portiere e firmare l'1-0. Gli arancioneroverdi restano in dieci uomini al minuto 36. Mazzocchi commette un'incredibile ingenuità prendendosi due cartellini gialli nell'arco di trenta secondi, che gli costano l'espulsione e costringono i suoi compagni di squadra a giocare il resto del match in inferiorità numerica.

Secondo tempo

Il Venezia comincia la seconda frazione di gioco in grande sofferenza. Branca al 51' calcia da posizione defilata un missile che Maenpaa riesce a salvare in angolo. A dispetto dell'uomo in meno, col passare dei minuti i lagunari reggono con solidità dietro e a tratti riescono anche a gestire il possesso del pallone. La partita non regala tante emozioni dal punto di vista delle occasioni da gol fino al minuto 93, quando Bocalon manda in estasi il Venezia con la rete del pareggio.

Leggi anche: Roland Garros 2021, il tabellone degli italiani