Vincenzo Spadafora
Vincenzo Spadafora

Roma, 11 maggio 2020 - Si attendeva il semaforo verde da parte del Governo riguardo gli allenamenti di gruppo da partire dal 18 maggio e le speranze (soprattutto dei club di serie A) non sono state disilluse. Riguardo al protocollo presentato dalla Federcalcio però ci sono alcune correzioni da apportare. "Il Comitato tecnico scientifico ha chiesto modifiche vincolanti al protocollo, come quello della quarantena di 14 giorni della squadra in caso di positività e quella della responsabilità dei medici sociali sull'applicazione del protocollo - ha spiegato Vincenzo Spadafora al Tg1 - E poi ha chiesto che numerosi test molecolari per i calciatori non vengano fatti a discapito dei cittadini. Se ci saranno queste modifiche ci potranno essere allenamenti collettivi dal 18 maggio". 

Un passo questo fondamentale per poter provare a tornare in campo in tempo utile per concludere la stagione. Una vera data per la ripresa della serie A però non esiste al momento. "Quando potrà ripartire il campionato? La linea giusta è quella della prudenza, tra una settimana vedremo la curva dei contagi e potremo decidere - la risposta del ministro dello Sport - Domattina presenterò al Comitato tecnico scientifico le linee guida per far riaprire tutti impianti e centri sportivi, affinché tutto lo sport riparte in sicurezza".