Sassuolo-Inter, Lautaro Martinez esulta dopo il gol (Ansa)
Sassuolo-Inter, Lautaro Martinez esulta dopo il gol (Ansa)

 

Reggio Emilia, 2 ottobre 2021 - L'Inter soffre ma passa indenne la difficile trasferta di Reggio Emilia. Un'ora di grande Sassuolo, vantaggio di Berardi dal dischetto, poi un quadruplo cambio di Inzaghi cambia la partita e Dzeko propizia la rimonta finalizzata da Lautaro. L'Inter tiene il passo in Serie A.

Serie A: le partite del 3 ottobre in tv. Formazioni, diretta e classifica

Sassuolo indiavolato


Inzaghi sceglie Correa al fianco di Lautaro, c'è Dumfries a destra, per Dionisi c'è Defrel punta in luogo di Raspadori. L'Inter parte bene, con buona intensità e pressing e subito si presenta dalle parti di Consigli. Primo squillo con un sinistro di Barella che sibila a lato. E' una miccia, quella nerazzurra, che si spegne presto, perché il Sassuolo sale di colpi a metà tempo, complice anche qualche errore di impostazione altrui. Su uno di questi, responsabile de Vrji, Defrel trova la reattività di Handanovic. Ma questo vizio dei palloni persi sulla propria metà campo è fatale per l'Inter che al 21' combina il patatrac: persa di Barella, folata di Boga che viene steso in area da Srkiniar, rigore. Berardi incrocia e trasforma, 1-0. Gli ospiti reagiscono, ma sono imprecisi negli ultimi metri, come quando Dumfries, tutto solo sul secondo palo dopo punizione di Calhanoglu, non trova nessun compagno all'appuntamento giusto. Il tempo si conclude con un altro errore di de Vrij che fa involare Defrel, Handanovic in uscita si scansa quanto basta per evitare una espulsione che sarebbe stata sanguinosa.

Dzeko cambia tutto


Quasi incredibile quello che accade a inizio ripresa. L'Inter sta all'inferno per dieci minuti al cospetto di un Sassuolo indiavolato, soprattutto Boga che impegna subito Handanovic con un diagonale sinistro. I nerazzurri non escono dalla metà campo e allora Inzaghi ordina il quadruplo cambio: dentro Dzeko, Dimarco, Darmian e Vidal. Tempo meno di un minuto e al primo pallone toccato il numero nove insacca il pari di testa, nell'occasione bravo Perisic a disegnare una parabola perfetta tra difensore e portiere. Al 76' altro episodio chiave, palla profonda di Brozovic per Dzeko che viene steso in area da Consigli, con il portiere che prima dà una ancata all'attaccante e poi prende palla: rigore tra le polemiche. Stavolta è Lautaro a trasformare il vantaggio. Dzeko trova anche il terzo, ma è offside, poco dopo non chiude i conti con un tiro a giro impreciso. La partita resta vibrante, ma il Sassuolo non trova il pertugio giusto a parte qualche mischia. Gli ospiti si rintanano e sfiorano ancora il terzo, ma chiudono con sacrificio e dedizione portando a casa tre punti fondamentali nella lotta Scudetto. La sosta per l'Inter sarà più tranquilla.

Leggi anche - Tpro-Juve, Locatelli decide all'86'

MANUEL MINGUZZI