Ronaldo in azione
Ronaldo in azione

Genova, 29 gennaio 2021 - Dopo le tre vittorie consecutive fra Supercoppa, campionato e Coppa Italia, la Juventus cerca il poker nella prima giornata del girone di ritorno di Serie A. I ragazzi di Andrea Pirlo saranno di scena a Marassi contro la Sampdoria dell'ex Claudio Ranieri. Come la Vecchia Signora, anche la squadra genovese si presenta al match con alle spalle un filotto positivo: negli ultimi due turni di campionato, i blucerchiati hanno raccolto altrettanti successi contro Udinese e Parma. Insomma, per i bianconeri - che all'andata si imposero per 3-0 - non si preannuncia una trasferta facile, su un campo dove peraltro il 6 gennaio scorso è caduta pure l'Inter. 

Qui Samp 

4-4-2 classico per mister Ranieri, che in avanti dovrebbe affidarsi alla coppia Keita-Quagliarella, lasciando così in panchina sia Ramirez che Verre. A centrocampo si giocano due maglie da titolari Thorsby, Adrien Silva ed Ekdal: i primi sono favoriti. Così come è in pole Jankto rispetto a Damsgaard per un posto sull'out mancino.

Qui Juve

Si rivede de Ligt dal 1' anche in campionato. In difesa è ballottaggio fra Danilo e Alex Sandro, con il secondo in svantaggio. Per il resto, zero dubbi per Pirlo, con Chiesa e McKennie e non Ramsey, e il tandem Morata-Ronaldo davanti, alla luce anche dell'assenza per squalifica di Kulusevski

Probabili formazioni

Sampdoria (4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello; Candreva, Thorsby, Adrien Silva, Jankto; Keita, Quagliarella. All. Ranieri.

Juventus (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, de Ligt, Bonucci, Danilo; McKennie, Bentancur, Arthur, Chiesa; Morata, Ronaldo. All. Pirlo. 

Orario e dove vederla 

Il match è in programma per sabato 30 gennaio alle 18 e verrà trasmesso da Sky, per la precisione su Sky Sport Serie A (canale 202 del satellite, 473 del digitale) e sul canale numero 251 del satellite. La gara potrà essere seguita anche in streaming attraverso l'applicazione SkyGo oppure Now Tv, acquistando uno dei pacchetti dedicati.

Leggi anche - Pirlo sul "caso Ronaldo"