Simone Inzaghi
Simone Inzaghi

ROMA, 16 ottobre 2020 - Vigilia di Sampdoria-Lazio, a Formello la squadra prepara la prossima gara di campionato che darà il via a un tour de force di partite fra Serie A e Champions League (l’esordio martedì contro il Borussia Dortmund). Inzaghi ha riabbracciato finalmente il gruppo dei nazionali ma deve fare i conti con le tante defezioni. "Abbiamo qualche defezione, qualcuno non è al massimo, però a casa rimarranno sicuramente Lazzari, Immobile squalificato, Luiz Felipe, Pereira, Lulic, abbiamo una buona lista. Caicedo e Marusic stamattina si sono mossi abbastanza bene, così come Fares e Milinkovic appena rientrati dalle nazionali. Farò le valutazioni domani. Calcoli in vista del Borussia Dortmund? Pensiamo solo alla Sampdoria”, spiega il tecnico biancoceleste in conferenza stampa.

L'inserimento dei nuovi

Domani probabile partenza dal primo minuto di Fares, mentre potrebbe esordire in maglia biancoceleste Vedat Muriqi. Ancora indietro altri nuovi arrivati, fra i quali Hoedt e Pereira. Inzaghi ne ha comunque parlato positivamente, sottolinenando il loro impegno mostrato in allenamento: "Ho trovato grandissima disponibilità. Sono soddisfatto, sono arrivati dopo ma ho trovato grande applicazione da parte loro. Muriqi e Hoedt hanno lavorato bene in questa settimana”.

Gli avversari

Poi sugli avversari: "Squadra organizzata, hanno un bravissimo allenatore, molto preparato. Ha tanta esperienza, troveremo una squadra in salute, dovremo fare una grande partita di squadra. Candreva e Keita osservati speciali? Sicuramente, sono legato a loro. Avrei voluto trattenerli, hanno fatto scelte diverse. Domani li saluterò, saranno osservati speciali per le loro qualità”. Chiosa finale sugli esterni: “Sugli esterni ora abbiamo qualche problematica. Lazzari è out, Marusic ha fatto oggi il primo allenamento dopo 12 giorni, probabilmente non potrà giocare dall'inizio. Stamattina ci ho provato per qualche minuto Patric, poi anche Parolo. Mi sono tenuto altre opzioni".
 

Leggi anche - Tare: "Questa è la stagione della conferma"