Il segno del "cinque" di Cristiano Ronaldo al Wanda Metropolitano
Il segno del "cinque" di Cristiano Ronaldo al Wanda Metropolitano

Madrid, 21 febbraio 2019 - Doveva essere la sua notte, perché quando risuona la musica della Champions League, Cristiano Ronaldo diventa ancor più cannibale. E invece, alla prima a Madrid da giocatore della Juventus, il portoghese è rimasto impantanato nelle sabbie mobili della difesa dell'Atletico, che mai gli ha concesso varchi. Sempre raddoppiato, a volte pure triplicato, CR7 si è fatto vedere solo su punizione e con il tentativo di testa che nel finale avrebbe potuto dare un senso alla serata del Wanda Metropolitano. Il nuovo impianto dei Colchoneros resta tabù per l'ex Real, beccato per tutta la gara dai tifosi di casa, ai quali Cristiano ha risposto con il segno "cinque".

Cinque come le Champions vinte in carriera, mentre l'Atletico è ancora fermo al palo da questo punto di vista, come ricordato da Ronaldo anche in mixed zone. Un gesto provocatorio, motivato dalla forte rivalità con la Madrid biancorossa, alla quale il fenomeno della Vecchia Signora ha rifilato 22 gol in carriera. Il tassametro dovrà necessariamente riprendere a correre nella gara di ritorno se la squadra di Massimiliano Allegri vorrà avere qualche possibilità di rimonta. Per far ciò, il tecnico bianconero ha il compito da qui al 12 marzo di preparare una fase offensiva che metta CR7 nelle condizioni ideali di poter far male ai Colchoneros.

Il che significa liberare Ronaldo dentro l'area avversaria, senza che il cinque volte Pallone d'Oro si limiti a provarci dalla distanza o in precario equilibrio come in occasione del colpo di testa in pieno recupero. Dal canto suo il portoghese, comunque unico faro al Wanda Metropolitano dell'attacco juventino, dovrà mantenere i nervi saldi. Vietato insomma metterla sul piano personale (come avvenuto ieri sera) e perdere di vista l'obiettivo: trascinare i compagni verso una missione che, se non impossibile, è senza dubbio complicata.

Basti pensare che su tre sfide disputate, l'Atletico non ha concesso alcuna rete (e solo otto tiri nello specchio) alla Vecchia Signora. Ma Cristiano dimostra di crederci, come scritto sui propri social. Madama deve ripartire anche dalla fiducia intatta del proprio campionissimo per sognare l'impresa.