Vlahovic festeggia la tripletta al Benevento
Vlahovic festeggia la tripletta al Benevento

Roma, 15 marzo 2021 - La tripletta segnata al Benevento ha fatto spostare le luci di tutti i riflettori su Dusan Vlahovic: il giovane attaccante serbo è quello che più di tutti ha assorbito la cura di Prandelli, diventando finalmente il riferimento offensivo di grande qualità che mancava alla Fiorentina da troppo tempo. E di sicuro il suo sarà uno dei nomi più caldi del prossimo calciomercato.

Una stagione da urlo

Vlahovic è soltanto un classe 2000, ma i numeri sono da grande bomber: in Europa soltanto altri tre giocatori sono arrivati come lui in doppia cifra nei maggiori campionati europei e uno di questi è Erling Haaland, un paragone azzardato che però viene giustificati dai numeri e dal campo. La punta viola è arrivata a quota 12 reti e 1 assist in 26 partite giocate in Serie A, un bottino di tutto rispetto per un giocatore così giovane e che all'inizio di quest'anno ha sofferto come i suoi compagni per un rendimento di squadra al di sotto delle aspettative. Con lui la Fiorentina ha trovato un punto di riferimento importante per l'attacco, un profilo che fa gol a molte big alla ricerca del centravanti perfetto.

La Roma lo punta

Con la situazione Dzeko ancora in bilico e con Borja Mayoral che non è ancora riuscito a diventare il suo erede, la Roma potrebbe pensare proprio a Vlahovic per rinnovare il suo reparto offensivo con un attaccante che conosce già il campionato e sarebbe un innesto perfetto per il progetto che i giallorossi intendono mettere in atto. Il contratto del serbo è in scadenza nel 2023 e, nonostante Commisso gli abbia più volte proposto un rinnovo, ha sempre rifiutato, anche a costo di non aumentare il suo ingaggio. Una scelta singolare ma che ha già scatenato le fantasie del mercato: la Viola proverà a trattenerlo a tutti i costi, ma la Roma potrebbe mettere da parte un tesoretto con l'eventuale cessione di Dzeko o proporre uno scambio alla Fiorentina per arrivare proprio al suo gioiello.

Leggi anche - Inter, otto vittorie consecutive: la LuLa viaggia a mille