Arriva la sentenza dopo l'errore della Roma in Coppa Italia
Arriva la sentenza dopo l'errore della Roma in Coppa Italia

Roma, 22 gennaio 2021- La sentenza è arrivata: dopo l'errore della sesta sostituzione in occasione della partita di Coppa Italia contro lo Spezia, la Roma rimedia la sconfitta a tavolino per 3-0, la seconda in questa sconfitta dopo quella rimediata alla prima giornata contro il Verona in seguito al caos delle liste e all'esclusione di Diawara che invece era presente in campo.

L'accaduto

Se sei mesi fa la Roma aveva provato la via del ricorso (poi non accolto) questa volta non c'è nessuna via d'uscita. La sconfitta a tavolino è una punizione inevitabile per l'errata lettura del regolamento da parte di Paulo Fonseca e di tutto il suo staff, colpevole di aver mandato in campo un giocatore in più rispetto ai cinque consentiti nel corso della partita. Dopo la doppia espulsione in 40 secondi di Mancini e Pau Lopez, l'allenatore aveva provato a ridare equilibrio alla sua squadra inserendo Fuzato e Ibanez e arrivando così a sei sostituzioni. L'equivoco riguarda la parte del regolamento riservata ai tempi supplementari della Coppa Italia: in questa circostanza non è consentito un cambio in più, ma soltanto un quarto slot da utilizzare qualora una squadra non avesse effettuato tutte e cinque le sostituzioni consentite. La sentenza però non cambia l'esito della partita, dato che comunque per la Roma era arrivata la sconfitta anche sul campo per 4-2.

Il comunicato del giudice sportivo

A far chiarezza e a togliere ogni dubbio per la Roma c'è anche il comunicato del giudice sportivo che spiega nel dettaglio le motivazioni della sentenza. Ecco di seguito il testo: "Considerato che all'esame di atti ufficiali della gara Roma-Spezia e in particolare il modulo "sostituzioni" risulta che la Società Roma abbia effettuato una doppia sostituzione al minuto 5' del primo tempo supplementare benchè in precedenza avesse già effettuato quattro sostituzioni. Pertanto si ritiene la società AS Roma responsabile di fatti o situazioni che abbiano influito sul regolare svolgimento della gara e quindi delibera di infliggere alla Società Roma la sanzione della perdita della gara con il punteggio di 0-3". La nota ufficiale conferma che "il comunicato ufficiale n.88/A F.I.G.C. pubblicato il 9 settembre 2020 consente l'effettuazione di un massimo di cinque sostituzioni per squadra nelle gare delle competizioni organizzate dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A programmate fino al termine della stagione 2020/2021 e che tale limite non soffre eccezioni nell'eventualità di disputa di tempi supplementari durante i quali è consentiva esclusivamente una quarta interruzione, rispetto alle tre stabilite per i tempi regolamentari, per consentire sostituzioni solo nel caso in cui al termine dei tempi regolamentari siano stati sostituiti meno di cinque calciatori".

Leggi anche - Roma-Spezia, le probabili formazioni