Un momento di Siviglia-Roma (Ansa)
Un momento di Siviglia-Roma (Ansa)

Roma, 6 agosto 2020 - Dopo aver concluso il campionato con una vittoria, la Romafresca di passaggio al nuovo proprietario Dan Friedkin, ora si presenta alla sfida dell'Europa League. E agli ottavi di finale si scontra con il Siviglia, una delle squadre più esperte di tutto il torneo. 

Le formazioni ufficiali

Siviglia (4-3-3): Bono; Jesus Navas, Koundé, Diego Carlos, Reguilón; Banega, Fernando, Jordán; Ocampos, En-Nesyri, Suso. All. Lopetegui

Roma (3-4-2-1): Lopez; Mancini, Ibañez, Kolarov; Bruno Peres, Cristante, Diawara, Spinazzola; Zaniolo, Mkhitaryan; Dzeko. All. Fonseca

Dove vederla

La partita tra Siviglia e Roma si gioca il 6 agosto alle ore 18:55. Il match sarà trasmesso in esclusiva da Sky e tutti gli abbonati avranno la possibilità di seguirlo anche in streaming attraverso l'app SkyGo, fruibile su smartphone e tablet.

Segui la diretta

QUI SIVIGLIA - Lopetegui dovrebbe presentarsi con la formazione al completo, compreso Vaclik che ha smaltito l'infortunio ed è prono a vestire i guantoni da titolare. Qualche dubbio invece per la presenza di Gudelj: il giocatore qualche settimana fa era risultato positivo al coronavirus e, nonostante il secondo tampone sia poi stato negativo, potrebbe essere tenuto ancora a riposo. Poche perplessità invece per quanto riguarda il tridente offensivo. Ocampos avrà quasi sicuramente la meglio su Suso, mentre de Jong e Munir scenderanno sicuramente in campo dal primo minuto.

QUI ROMA - Molte più assenze invece per Paulo Fonseca che non avrà alcuni elementi importanti della sua formazione migliore. L'allenatore portoghese dovrà sicuramente fare a meno dello squalificato Veretout e di Smalling e Zappacosta, tornati rispettivamente al Manchester United e al Chelsea. Senza il difensore inglese, uno dei pilastri di questa stagione, potrebbe esserci spazio fin dall'inizio per Ibañez accanto a Kolarov e Mancini. A centrocampo spazio a Diawara e Cristante, con Spinazzola e Bruno Peres sugli esterni. In attacco il punto di riferimento sarà chiaramente Dzeko, con Mkhitaryan e Zaniolo che agiranno alle sue spalle.