Roma, 13 marzo 2018. La Roma compie l'impresa e davanti ai 50mila dell'Olimpico si guadagna lo storico passaggio ai quarti di finale di Champions League, risultato che mancava da 10 anni, con un 1 a 0 a firma Edin Dzeko. I giallorossi sono arrivati alla gara europea dopo due importanti vittorie di campionato, contro Napoli e Torino, che l’hanno portata al terzo posto in classifica e la conquista dei quarti conferisce una luce completamente diversa a questa prima stagione di Di Francesco.

Barcellona-Chelsea in tv, formazioni e diretta dalle 20.45

Rivedi la diretta

FORMAZIONI. La Roma scende in campo con il canonico 4-3-3 con Allison in porta, Florenzi, Manolas, Fazio e Kolarov in difesa, Nainggolan, De Rossi, Strootman a centrocampo e Under, Dzeko e Perotti in attacco. Lo Shakthar Donetsk risponde con un 4-2-3-1 formato da Pyatov in porta, Butko, Orbets, Rakitsky, Ismaily guardia della fidesa, Fred, Stepanenko sulla linea del centrocampo Marlos, Taison a sostenere le azioni offensive di Bernard e Ferreyra.

PRIMO TEMPO: ROMA POCO CATTIVA. La Roma che scende in campo nella prima frazione di gioco non è una squadra aggressiva e propositiva. Al contrario aspetta le mosse dello Shakhtar e non sembra avere fretta di trovare il gol del vantaggio. I giallorossi appaiono molto poco cinici senza riuscire mai a trovare lo spunto decisivo. Il primo brivido arriva al 14esimo quando Nainggolan guida il contropiede, serve Perotti ma l'argentino si fa battere da Butko. Al 27esimo è lo Shakhtar che impensierisce i giallorossi: Ismaily serve Ferreyra ma Kolarov è bravo a mettere la palla nell'angolo. La prima vera palla pericolosa arriva solo al 34esimo quando Nainggolan, dallo sviluppo di un calcio d'angolo, manda la palla in direzione della porta. Da uno sfortunato rimpallo nasce un contropiede dello Shakhtar ma Florenzi è bravo a smorzare subito la ripresa degli ucraini.

SECONDO TEMPO: DZEKO REGALA I QUARTI DI FINALE. La ripresa suona tutta un'altra musica per i giallorossi. Al 52esimo Edin Dzeko regala ai giallorossi la rete che li spedisce ai quarti di finale. Il bosniaco, servito sul filo del fuorigioco da Strootman, batte Pyatov in uscita. De Rossi corre a perdifiato a stringere Allison in un forte abbraccio. Al 58esimo lo Shakhtar prova a recuperare ma Capitan De Rossi ferma Stepanenko  in area e la mette in angolo. Le azioni degli ucraini non sono mai davvero pericolose e al 79esimo la gara prende una piega ancora più positiva per i giallorossi: Ordets si rende responsabile di un fallo da ultimo uomo su Dzeko e l'arbitro lo manda anzitempo negli spogliatoi. L'ultimo brivido della gara arriva al 93esimo quando Ismaily serve Ferreyra ma l'attaccante non arriva per pochi passi. La Roma vola ai quarti di finale, un risultato storico per un debuttante in Champions come Di Francesco.