Sirigu potrebbe arrivare alla Roma
Sirigu potrebbe arrivare alla Roma

Roma, 24 dicembre 2020 - Nei giorni scorsi si è accesa la possibilità di uno scambio tra Roma e Torino che vedrebbe coinvolti i portieri Pau Lopez e Sirigu, ma pur essendo molto vicini al mercato di gennaio è ancora complicato capire i margini di questa trattativa.

La situazione portieri

Il contesto attuale farebbe pensare a solide basi per intavolare la trattativa, ma in questo caso bisogna essere cauti. Il portiere che più probabilmente potrà cambiare maglia a gennaio è quello del Torino, ma non è automatico che la sua partenza sia per forza in direzione Roma: Sirigu sembra essere in rottura con la società e l'esclusione dai titolari negli ultimi turni continua a confermare quelle che sono le frizioni viste negli ultimi mesi. Il portiere granata non ha replicato le ottime prove delle scorse due stagioni ed è stato fatto fuori per una questione tecnica, ma è chiaro che il suo scarso rendimento derivi da una situazione al momento che non gli dà la giusta serenità per rendere al meglio. Per questo potrebbe anche lasciare il Torino a gennaio, visto che rimane un portiere dal buon mercato, ma immaginare uno scossone in porta in casa Roma in questo momento è complicato.

I portieri della Roma

L'ultimo mese ha visto un'alternanza tra Pau Lopez e Mirante. La stagione sembrava aver promosso definitivamente Mirante al ruolo di titolare, ma nelle ultime settimane lo spagnolo è tornato a vedere il campo in qualche occasione. Anche per questioni contrattuali rimane una cessione difficile, in particolare in un mercato di gennaio in piena pandemia, e quindi non è così scontato che possa partire anche alla luce dell'investimento che la Roma ha fatto su di lui. L'ipotesi del prestito avrebbe senso in quanto sei mesi da titolare in Serie A potrebbero rilanciare le quotazioni dell'ex Betis sia nell'ottica di una cessione a giugno, sia in quella di un rilancio, ma a oggi sembra più probabile la sua permanenza a Roma. 

Leggi anche: Veretout terzo centrocampista più prolifico d'Europa