Carles Perez e Riccardo Calafiori
Carles Perez e Riccardo Calafiori

Roma, 18 dicembre 2020- La Roma vuole sognare in grande: in questa stagione la squadra guidata da Paulo Fonseca ha voglia di recitare un ruolo da protagonista, come non accadeva ormai da troppi anni. L'avvio splendido e le tante partite da imbattuti fanno crescere l'ambizione dei giallorossi che non hanno nessuna intenzione di fermarsi. A ribadirlo è stato Carles Perez, oggi in visita ai bambini ricoverati all'Ospedale San Raffaele assieme al suo compagno di squadra Borja Mayoral.

Le polemiche arbitrali

Ai microfoni di ReteSport il giocatore si è dimostrato contento e fiero dell'ennesima iniziativa benefica portata avanti dalla sua squadra: "Per noi giocatori è un piacere essere qui e poter strappare un sorriso a questi bambini. Molti di loro sono appassionati di calcio, noi calciatori siamo un modello. Ci fa piacere aiutarli a trascorrere un Natale più felice e sereno". Ma a fargli storcere il naso ci pensano le tante polemiche arbitrali delle scorse settimane, soprattutto in occasione della partita contro il Sassuolo. Carles Perez però non da peso alla questione e pensa solo all'andamento della sua Roma: "Si parla sempre molto degli arbitraggi, nelle ultime partite ce ne sono stati alcuni un po’ controversi. Però ciò che importa a noi è che la squadra stia attraversando un buon momento di forma. E’ importante dare continuità".

Il sogno Champions

Puntare in alto è lecito, soprattutto in una stagione come questa dove i risultati positivi arrivano giornata dopo giornata. L'obiettivo chiaramente è quello di rientrare nelle prime quattro posizioni della classifica, ma con un gruppo così pensare in grande diventa quasi obbligatorio: "Il campionato è ancora molto lungo, è presto per parlare di classifica, piazzamenti o scudetto. Io sono ambizioso, come tutta la squadra, quindi il nostro obiettivo è quello di stare sempre in alto. Abbiamo una rosa in grado di puntare in alto. Probabilmente firmerei per il quarto posto ma allo stesso tempo non mi precluderei la possibilità di finire il campionato ancora più in alto".

Leggi anche - Le probabili formazioni della prossima giornata della Serie A