Ancora una sconfitta per la Roma contro una big, questa volta festeggia il Napoli
Ancora una sconfitta per la Roma contro una big, questa volta festeggia il Napoli

Roma, 22 marzo 2021- Il più grande problema di questa Roma continua a essere la totale assenza di vittorie negli scontri diretti: quello che poteva sembrare soltanto un trend sfortunato nel girone di andata si è confermato una vera maledizione anche nella seconda parte del campionato, diventando il vero punto debole di una squadra che in questa stagione non è mai riuscita a fare il decisivo salto di qualità.

Il bilancio negativo con Fonseca

In 28 partite giocate in questa Serie A, i giallorossi sono sempre rimasti all'asciutto di vittorie nelle partite più importanti. I primi passi però sembravano essere incoraggianti: contro Juve e Milan all'inizio della stagione erano arrivati due pareggi rassicuranti, ma il 4-0 subito a Napoli nella gara d'andata contro gli azzurri ha sollevato un problema che ancora adesso resta irrisolto. Quella di ieri contro gli azzurri è stata la sesta sconfitta in nove partite disputate contro le diretta avversarie (su un totale di 8 KO stagionali), dove ha raccolto appena 3 punti su 27e subito 24 dei 42 gol totali. Una disfatta sotto tutti i punti di vista che vede in Paulo Fonseca il primo colpevole. L'accusa principale mossa verso il portoghese è quella di non saper preparare al meglio gli scontri con le big, una tendenza che viene confermata anche guardando i dati della passata stagione, dove su 12 incontri sono arrivate appena 3 vittorie.

Continua il momento no

Questa volta però la sconfitta in uno scontro diretto arriva una settimana dopo il pesante tonfo trovato in casa del Parma dove la Roma ha lasciato andar via tre punti importantissimi per la corsa alla Champions League. Se il cammino in Europa sorride ai giallorossi, il campionato non sembra essere più così scontato come qualche mese fa: nelle ultime cinque partite giocate, la squadra di Fonseca ha portato a casa soltanto 6 punti dalle vittorie contro Fiorentina e Genoa, rimediando poi tre sconfitte contro Milan, Parma e Napoli. Tre i gol segnati, sette quelli subiti, infinite le critiche che non hanno lasciato fuori nessuno: la panchina del portoghese adesso è in forte rischio, così come le possibilità di arrivare nei primo quattro posti della classifica, una situazione che costringerebbe i Friedkin a puntare su un nuovo profilo per cercare di rilanciare un progetto che non ha mai spiccato il volo.

Leggi anche - Roma, Fonseca: "Manca la giusta mentalità negli scontri diretti"