Rangnik smentisce il suo arrivo a Roma
Rangnik smentisce il suo arrivo a Roma

Roma, 20 ottobre 2020 - Da tempo è un nome che circola attorno all'ambiente Roma, ma per il momento il matrimonio è rinviato: Ralf Rangnick, in estate vicinissimo anche al Milan, ha smentito un suo contatto con la Roma in via ufficiale, chiudendo forse in via definitiva le porte a questo passaggio.

Le dichiarazioni

“Non sono in contatto con loro, non mi immagino di andare lì adesso. I miei ultimi 14 anni, tra Hoffenheim e Lipsia, hanno dimostrato dove do il meglio, ovvero quando sono più di un semplice allenatore. La mia intenzione è lavorare in un club tradizione, in Germania o Inghilterra. Mi vedo lavorare come allenatore per un club ambizioso che punta sin da subito a qualche titolo” ha detto l'ex allenatore del Lipsia a El Pais, in un'intervista che fa capire quanto le sua ambizioni in questo momento non incontrino i bisogni giallorossi.

Le necessità della Roma

La Roma in questo momento è alla ricerca di un direttore sportivo: la figura di Rangnick era vista soprattutto in quell'ottica e non in quella dell'allenatore. La sua carriera lo ha visto in questa doppia veste, ma ciò che attraeva principalmente era la sua abilità nella costruzione delle squadre più che nella gestione dalla panchina. infatti il suo eventuale arrivo non avrebbe significato un divorzio da Fonseca, ma anche eventualmente una possibile convivenza. Di fatto il posto che sarebbe andato a coprire era quello lasciato vacante da Petrachi e per ora ereditato da De Sanctis, ma dopo dichiarazioni del genere è chiaro che la Roma virerà su altri profili.