Pedro esulta dopo il gol (Ansa)
Pedro esulta dopo il gol (Ansa)

Roma, 1 novembre 2020 - Dopo il pareggio di Europa League contro il CSKA Sofia la Roma ritrova il successo in campionato contro la Fiorentina. Una gara dominata per praticamente tutta la sua durata, con il gol di Spinazzola che fa da spartiacque a una gara che da lì in poi ha visto giocare praticamente solo i giallorossi, adesso settimi in classifica alla pari di Inter e Napoli.

Roma-Fiorentina 2-0, rivivi la diretta

Serie A, risultati e classifiche

Primo tempo

La gara comincia con un avvio decisamente buono della Fiorentina che sfiora il gol in un paio di occasioni, prima con un bel tiro di Castrovilli terminato di poco al lato, poi con un salvataggio della difesa giallorossa in anticipo su Callejon che manca il suo appuntamento col primo gol in campionato dopo aver trovato la via della rete in settimana in Coppa Italia. Poi la partita svolta dopo appena 12 minuti, con un rinvio di mirante che diventa clamorosamente un assist: Milenkovic e Martinez Quarta bucano il contrasto aereo con Dzeko e Spinazzola si ritrova involato verso la porta, con una conclusione facilitata dall'intervento impreciso di Caceres, che batte Dragowski e sblocca la partita. Da lì in poi tutto fin tropo facile per i giallorossi, che sfiorano a più riprese il raddoppio contro una squadra che diventa totalmente passiva: la palla gol più nitida è una doppia chance con miracolo di Dragowski prima su Karsdorp e poi su Edin Dzeko.

Secondo tempo

Nella ripresa la Fiorentina priva a cambiare le carte in tavola ma nessuno dei subentri ha un minimo impatto sul match. La Roma rallenta, ma gestisce senza problemi la situazione e si ritrova a raddoppiare in un'azione partita addirittura da un calcio d'angolo avversario: sul cross troppo lungo di Biraghi Veretout fa partire il contropiede che porta al tap in facilissimo di Pedro, ancora in gol in questo avvio strepitoso nella sua avventura giallorossa. La Fiorentina non reagisce e non crea alcun pericolo a Mirante e la gara si conclude senza ulteriori emozioni.

Per la Roma punti fondamentali per la propria corsa europea, mentre la Fiorentina di Iachini nonostante le due vittorie nell'ultima settimana, continua a convincere pochissimo sul piano del gioco, anche oggi troppo passivo.

Tabellino

Roma (3-4-2-1): Mirante; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp (26' st Bruno Peres), Pellegrini (33' st Cristante), Veretout (45' st Kumbulla), Spinazzola; Mkhitaryan, Pedro (26' st Carles Perez); Dzeko. In panchina: Pau Lopez, Farelli, Fazio, Juan Jesus, Podgoreanu, Villar, Borja Mayoral. Allenatore: Fonseca. 

Fiorentina (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Martinez Quarta, Caceres; Lirola, Amrabat (36' st Duncan), Bonaventura (12' st Vlahovic), Castrovilli (1' st Pulgar), Biraghi; Callejon (21' st Kouame), Ribery (36' st Cutrone). In panchina: Terracciano, Brancolini, Ponsi, Igor, Venuti, Barreca, Saponara. Allenatore: Iachini. 

Arbitro: Orsato di Schio 5. 

Reti: 12' pt Spinazzola; 25' st Pedro. NOTE: serata umida, terreno di gioco in discrete condizioni. Al 43' st espulso Martinez Quarta, per gioco pericoloso. Ammoniti: Dzeko, Castrovilli, Veretout, Lirola, Cristante. Angoli: 7-4. Recupero: 0'; 4'.

 

Leggi anche: la rimonta della Lazio a Torino