Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 feb 2022

Roma, la FIGC apre un'indagine per la presenza di Calvarese negli spogliatoi

L'ex arbitro è stato avvistato in una zona riservata ai tesserati durante Roma-Genoa

16 feb 2022
ada cotugno
Sport
L'ex arbitro Calvarese è stato chiamato dalla Roma come consulente esterno
L'ex arbitro Calvarese è stato chiamato dalla Roma come consulente esterno
L'ex arbitro Calvarese è stato chiamato dalla Roma come consulente esterno
L'ex arbitro Calvarese è stato chiamato dalla Roma come consulente esterno

Roma, 16 febbraio 2022- Spuntano nuovi problemi per la Roma, questa volta fuori dal campo di gioco. La FIGC ha aperto un'indagine per un comportamento sospetto di Gianpaolo Calvarese: l'ex arbitro è stato ingaggiato qualche settimana fa dai giallorossi come consulente (e quindi non tesserato), ma durante Roma-Genoa il direttore di gara Abisso ha denunciato la sua presenza in una zona riservata esclusivamente ai tesserati.

Il punto della situazione

L'indagine federale riguarda i fatti accaduta nell'ultima partita di campionato giocata in casa dalla Roma. Gli atti riportano che Calvarese si era recato negli spogliatoi per dialogare con l'arbitro Abisso, un comportamento vietato ai collaboratori esterni dei club della Serie A. A raccontare l'accaduto è stato proprio il direttore di gara designato per quella partita, insospettito dalla presenza dell'ex collega in una zona riservata soltanto ai tesserati delle due squadre. La FIGC ha raccolto tutti gli atti e ha aperto un'inchiesta contro i giallorossi, dato che il protagonista della vicenda non essendo più iscritto all'AIA non può essere giudicato dalla Procura Arbitrale per una violazione del regolamento. Calvarese è stato chiamato dalla Roma qualche settimana fa come consulente esterno: il suo compito è quello di spiegare alla squadra le situazioni che avvengono durante le partite e spiegare ai tesserati il regolamento arbitrale del nostro campionato.

Cosa rischia la Roma?

Con l'inchiesta aperta la Roma resta in apprensione per le possibili conseguenze, una situazione che si inserisce in un contesto già particolarmente bollente per gli ultimi risultati arrivati in campionato. La sanzione in ogni caso non si rifletterà sulla classifica o sui giocatori: se la FIGC dovesse trovare irregolarità nel comportamento di Calvarese, in quanto presente negli spogliatoi da non tesserato, allora i giallorossi rischierebbero un'ammenda e sarebbe prevista anche una multa per i dirigenti della società. Adesso i vertici dovranno rispondere della situazione, per rendere più chiaro il quadro e permettere agli organi competenti di far luce sulla situazione.

Leggi anche - Roma, cosa succede a Mourinho? Lo Special One è in calo

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?