Il presidente della Figc, Gabriele Gravina (Ansa)
Il presidente della Figc, Gabriele Gravina (Ansa)

Roma, 15 aprile 2021 - Riapertura degli stadi, vaccini ai giocatori della Nazionale. Si è parlato di questo, e non solo, durante l'incontro andato in scena in mattinata fra il presidente della Figc Gabriele Gravina e il sottosegretario con delega allo Sport, Valentina Vezzali. Incontro evidentemente proficuo, almeno a sentire le parole del numero uno federale. "E' stato un confronto molto utile con grande analisi del momento, per tutto lo sport, non solo per il calcio. La riapertura generale è la cosa più importante, il problema degli stadi della Serie A è legato a quello. È impensabile auspicare l'apertura isolata di un settore a discapito di altri. Ora si è aperta la speranza e spero che ci possa essere una riapertura generalizzata. Le decisioni spettano al Governo, ci sono buone possibilità anche prima dell'Europeo". 

Vaccinazioni ok

L'ipotesi che circola è quella della finale di Coppa Italia fra Juventus e Atalanta, in programma per il 19 maggio a Reggio Emilia. "La finale di Coppa Italia è una delle ipotesi, insieme ad altri eventi prima di giugno". A proposito di Europei: la rosa degli azzurri sarà vaccinata prima della manifestazione continentale? "Assolutamente sì, rientriamo nel gruppo di soggetti che devono essere vaccinati prima dell'evento - sottolinea Gravina - Ieri ho avuto un incontro con alcune autorità e ho avuto rassicurazioni, anche per coloro che andranno all'Olimpiade. Quello che è emerso in maniera chiara è che il nostro Paese ha voglia di ricominciare, la data dell'11 giugno ha dato speranza a tutti". 

Leggi anche - Lukaku: "Abbiamo fame di Scudetto"