Stefan Radu
Stefan Radu

AURONZO, 15 luglio 2019 – Terzo giorno di allenamenti sotto le Tre Cime di Lavaredo per la Lazio di Simone Inzaghi. Il tecnico piacentino anche oggi manda in scena una doppia seduta, ma a prendersi la scena in questa lunga giornata è Stefan Radu. Il difensore romeno, inizialmente fuori dai piani della società, è stato reintegrato dal club dopo un incontro avvenuto nei giorni scorsi. Stamattina le visite mediche in Paideia, poi intorno alle 15 lo sbarco a Venezia. Poco prima delle 17 Radu ha raggiunto il ritiro di Auronzo di Cadore, presentandosi in conferenza stampa per fare chiarezza su quello successo nelle ultime settimane. Dichiarazioni a cuore aperto, con il sorriso stampato in faccia: “Per prima cosa voglio ringraziare società e presidente per l'opportunità che mi hanno dato di far parte di nuovo della famiglia laziale. Ho passato il momento più buio della mia carriera, da marzo non sono stato più io come uomo e giocatore. Sono emozionato, come si vede, spero di ripagare la fiducia che la società mi ha dato con delle buone prestazioni” le sue prime emozionate parole.

Poi prosegue: “Torno a casa. Sono stato male negli ultimi giorni per uno sbaglio mio. Riconosco questo. Da marzo non ero più Stefan Radu come uomo. Per me tutto questo è una liberazione. Ringrazio i tifosi per come mi sono stati vicino. Si, posso dire di essere come un nuovo acquisto. In ogni caso ho tanta esperienza alle spalle, posso dare ancora tanto per questa squadra”. Chiosa finale sul mercato che lo ha riguardato in queste settimane: “Dopo le notizie che sono uscite, con la Lazio che non mi voleva più, ho ricevuto tante richieste. Però ho sempre detto ‘no’ subito a qualsiasi offerta sia arrivata”. La storia fra il difensore romeno e i biancocelesti continua, Radu avrà la possibilità di chiudere la carriera nel club dove è cresciuto e si è consacrato.