28 apr 2022

Radu, l'errore e le lacrime: Dumfries lo copre dalle telecamere

Il portiere dell'Inter non trattiene il pianto dopo l'errore di Bologna, subito Correa e Dimarco a consolarlo. Lo spogliatoio è con lui

manuel minguzzi
Sport
Ionut Radu
Ionut Radu

Bologna, 28 aprile 2022 - Psico dramma Inter, psico dramma Ionut Radu. Il portiere rumeno ha sostituito ieri Samir Handanovic nel match col Bologna ed è stato protagonista negativo con il clamoroso errore che ha spalancato le porte alla vittoria rossoblù che condanna l'Inter a sperare in un passo falso del Milan. Sono quei momenti che un portiere non vorrebbe mai vivere, soprattutto in una partita che può essere decisiva per lo Scudetto. Difficile superare lo sconforto, ma Radu ha attorno lo spogliatoio dell'Inter, tutto dalla sua parte.

L'errore di Radu 

Dieci dalla fine, il Bologna conquista una rimessa laterale sulla trequarti ma perde subito palla e ne concede una all'Inter. Batte veloce Perisic perché c'è da cercare il gol della vittoria in una partita che dopo un avvio sprint si è incredibilmente complicata. Indirizza palla verso Radu con De Vrij davanti per consentire un rapido cambio di fronte dalla parte opposta dove attende D'Ambrosio, la palla è veloce per il centrale difensivo che infatti la lascia scorrere per Radu, forse impreparato dalla finta, il quale si ritrova col piede debole a cambiare gioco a destra con l'arrivo di Sansone. Basta una frazione di secondo di ritardo per calciare male palla e infatti accade l'imponderabile: Radu calcia direttamente verso la sua porta e il tocco di Sansone, che nel tabellino entrerà come marcatore, è ininfluente. Doccia fredda. L'Inter non si riprenderà più e rimarrà a meno due dal Milan.

Le lacrime del portiere 

Radu non si capacita dell'errore e al fischio finale gli crolla il mondo addosso. Si nasconde il viso dietro la maglietta, disperato, accorrono subito Correa e Dimarco a consolare una situazione inconsolabile ma la presenza degli amici è fondamentale. Arriva poi Dumfries a coprire le telecamere con il compagno in lacrime, sale che continuerà a scendere anche negli spogliatoi.

L'Inter e i tifosi 

Nel post partita è arrivata anche la difesa di Simone Inzaghi: 'Radu è giovane, è un ottimo portiere e ha un futuro radioso davanti. Tutto lo spogliatoio è con lui'. Chi non sarà con Radu forse saranno i tifosi interisti, quelli che spesso hanno criticato anche il rendimento di Handanovic, ma l'Inter punta sull'unità dello spogliatoio per riprendere la marcia e fare 12 punti consecutivi; sperando in un passo falso del Milan che dal canto suo, con lo scontro diretto a favore, può permettersi tre vittorie e un pari. Per quattro mesi le classifiche hanno viaggiato con l'asterisco di questa sfida del Dall'Ara, ma tra ricorsi, polemiche ed errori l'Inter è rimasta col cerino in mano e l'altra sponda dei Navigli gongola.

Leggi anche - Fiorentina-Udinese 0-4, i friulani calano il poker

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?