Thomas Tuchel
Thomas Tuchel

Parigi, 24 dicembre 2020 - Clamoroso all'ombra della Tour Eiffel. Nonostante il successo di ieri per 4-0 sullo Strasburgo in League 1, il Paris Saint Germain ha deciso di separarsi da Thomas Tuchel sei mesi prima rispetto alla naturale scadenza del contratto. Sul fatto che l'avventura del tecnico tedesco si potesse concludere a fine stagione non c'erano molti dubbi, ma in pochi si sarebbero potuti immaginare un ribaltone ad annata ancora in corso. Vero che i campioni in carica di Francia sono al terzo posto della classifica, ma è altrettanto vero che distano appena un punto dalla vetta occupata dalla coppia Lione-Lille. E in Champions League, Neymar e compagni si sono qualificati da testa di serie, anche se agli ottavi incroceranno il Barcellona

Dichiarazioni indigeste

I risultati insomma non sembrano giustificare l'esonero. Secondo l'Equipe, a spingere la dirigenza transalpina a dire addio a Tuchel sarebbero state alcune dichiarazioni rilasciate all'emittente tedesca Sport1. "Ad essere onesti nei primi sei mesi al Psg mi sono chiesto: 'Ma sono ancora un tecnico oppure un politico o un ministro dello sport? Dov'è il mio ruolo di manager in un club del genere?' Mi sono detto: 'Io voglio solo allenare'. Sono diventato un allenatore per questo motivo ed è ciò che sono ovunque io sia. Basta che ci sia un campo dove allenarsi e un lettore dvd per analizzare i video. In fondo, amo il gioco del calcio e posso avere questa soddisfazione in molti modi. Farlo al Psg a volte risulta facile, altre invece è una sfida perché una società come questa ha una serie di influenze al di là del semplice interesse verso la squadra. Amo solo il calcio e in un club come questo, non sempre si tratta solo di questo". 

Arriva Pochettino

Chiusa l'era Tuchel, adesso sembra pronta a partire quella Mauricio Pochettino. L'ex allenatore del Tottenham è infatti a un passo dal sedersi sulla panchina dei francesi. Niente ritorno in pista insomma per Massimiliano Allegri, che in passato era stato accostato al Psg.

Leggi anche - Gattuso e la miastenia: "Sono malato a un occhio ma non muoio"