Roma, Edin Dzeko (Lapresse)
Roma, Edin Dzeko (Lapresse)

Roma, 6 marzo 2019 - Questa sera la Roma giocherà una gara molto importante per il futuro della sua stagione. Agli ottavi di finale di Champions League contro il Porto i giallorossi ci arrivano con un risultato positivo, un 2 a 1 che permette agli uomini di Di Francesco di poter contare su due risultati su tre. Un vantaggio, però, che non consente alla Roma di essere eccessivamente rilassata ed affrontare la gara con superficialità. “È una partita lunga, per loro c’è un gol di differenza e noi dobbiamo essere bravi a difenderlo per poi ripartire” – ha detto Di Francesco nel corso della conferenza stampa di presentazione del match – “Diventerà fondamentale fare una grande fase difensiva, il resto verrà da sé”. Il mister abruzzese sa bene che il suo rinnovo, dopo la disfatta nel derby capitolino, passa anche da partite come questa. “Quello che è successo nel derby ha influito sul morale generale e su tanti discorsi. Non aiutano, ma dobbiamo pensare a questa partita secca, la partita della vita che deve portare tutti a dare il massimo impegno” – ha aggiunto il tecnico – “È normale che essere supportato per un allenatore è fondamentale, essere sopportato no. Ma è fondamentale che chi scende in campo, e che sceglierò io, faccia una prestazione di altissimo livello e che ricordi quelle dello scorso anno in particolare in Champions”.

DZEKO: "DOBBIAMO ESSERE FORTI, NON DOBBIAMO METTERCI IN ATTESA" - Molto ottimista è Edin Dzeko che, superato lo scoglio del Porto, prospetta un cammino molto luminoso per la Roma in Champions. “Se andiamo avanti, con un po’ di fortuna potremmo arrivare un’altra volta in semifinale” – dice Edin Dzeko al portale svizzero “Bluewin” – “Ma prima c’è il ritorno col Porto. In Portogallo dobbiamo dimostrare di essere forti, non siamo una squadra che resta dietro in attesa”. Il centravanti bosniaco mette anche la sua Roma tra le possibili finaliste. “Per la finale dico Barcellona, e Manchester City. E l’Atletico giocherebbe la finale in casa, questa è sicuramente una forte motivazione. Credo una di queste 3 squadre. Ma sarebbe meglio se vincesse la Roma“.