Miralem Pjanic
Miralem Pjanic

Torino, 2 aprile 2020 - Quello di oggi è sicuramente un compleanno un po' diverso dagli altri per Miralem Pjanic. E non solo perché il centrocampista della Juventus compie 30 anni, ma anche perché lo fa in una situazione che è tutto fuorché normale. Il centrocampista bosniaco sta festeggiando in Lussemburgo, lontano da quella che Torino che ha lasciato ormai da dieci giorni. Fra i moltissimi auguri che gli arrivano, anche quelli del proprio club.

"In mezzo al campo, Miralem è una sicurezza: sempre pronto a prendersi carico delle responsabilità, in questi anni ha indossato spesso i panni del leader anche fuori dal terreno di gioco con quella voglia di migliorarsi sempre che si sposa alla perfezione con il nostro DNA. Regista e all'occorrenza combattente, in questa stagione è stato il quarto bianconero per minutaggio, segnando tre reti belle e importanti contro Brescia, Spal e Bologna, specchio della sua voglia di essere sempre decisivo, unendo eleganze ed efficacia, bellezza e pragmatismo. In attesa di rivederci in campo, gli auguriamo, tutti insieme, buon compleanno. Auguri, Miralem!". 

Uno splendido messaggio, che non può che aver fatto piacere al numero 5, alla sua quarta stagione all'ombra della Mole. Chissà se Pjanic avrà modo di completarla. Quel che è certo è che, fin qui, non può essere considerata come la migliore da quando veste la casacca juventina. Questo nonostante l'approdo di Maurizio Sarri in panchina. Il tecnico ha letteralmente consegnato le chiavi della squadra nelle mani dell'ex Roma. "Vorrei che toccasse 150 palloni a partita", aveva dichiarato l'allenatore bianconero alla sua prima conferenza stampa. Missione fallita però e quel che è peggio è che il rendimento di Pjanic, vuoi anche per alcuni problemi fisici (specie all'adduttore), è andato in netto calando. 

Appena tre i gol messi a segno dal classe '90, con quattro assist. Numeri non eccezionali, anche se la sua priorità era la costruzione del gioco. Ma anche da questo punto di vista il metronomo della Juve non ha convinto. Con un Rodrigo Bentancur sempre più in crescita e l'interesse vivo da parte del Paris Saint Germain, chissà che quella che si avvicina non possa essere l'estate dell'addio di Pjanic alla Vecchia Signora e all'Italia.