Stefano Pioli (ANSA)
Stefano Pioli (ANSA)

Milano, 19 ottobre 2020 – La vittoria ottenuta sabato nel derby è la gemma di questo ottimo inizio di stagione del Milan, che non perde dallo scorso marzo. Un “magic moment” di cui oggi ha parlato anche Stefano Pioli ai microfoni di Radio Anch’io Sport: “Mi sembra chiaro che il nostro sia importante. Siamo soddisfatti ma anche soltanto all’inizio. Dobbiamo pensare ad una partita per volta e poi si vedrà. Ora dobbiamo concentrarci sull’esordio in Europa League”. Una metamorfosi, incominciata nel gennaio scorso secondo il tecnico emiliano: “Questo Milan è nato a gennaio con gli arrivi di Ibra, Kjaer e Saelemaekers. Siamo cresciuti da quel momento e adesso stanno arrivando i risultati di questo percorso. Sappiamo che arriveranno anche i momenti difficili ma siamo un gruppo unito e con tanta voglia di fare e di vincere ogni partita”.

L'Europa League e i rinnovi di Donnarumma e Ibra 

Pioli non si è poi nascosto alzando l’asticella degli obiettivi stagionali fino alla tacca che corrisponde alla vittoria dell’Europa League: “Siamo il Milan e dobbiamo giocare con grande ambizione in ogni competizione. Vogliamo fare bene in Europa e anche se è la coppa che conta un po’ di meno vogliamo provare a vincerla. Giocando spesso avrò bisogno di tutti ma cercherò sempre di schierare i giocatori migliori. Giochiamo in un girone equilibrato e dovremo cercare di iniziare con il piede giusto”. L’allenatore rossonero, infine, ha trattato il tema dei rinnovi di contratto dei giocatori più rappresentativi, a cominciare da Donnarumma e Ibrahimovic: “La società quanto siano importanti Gigio e gli altri giocatori in scadenza e si cercherà di fare di tutto per proseguire assieme. Anche Ibra ci sta dando tanto ma è evidente pure la crescita degli altri. Non credo che lui stia già pensando al futuro adesso. La cosa più bella è vederlo felice di allenarsi e di giocare, poi vedremo cosa succederà nella prossima stagione. E' ancora presto per saperlo”.

Leggi anche - Lazio, Inzaghi: "Dortmund fra le prime otto d'Europa, serve grande gara"