San Paolo (Brasile) - Pelé fa tremare il mondo del calcio. La leggenda brasiliana è stata ricoverata nuovamente in terapia intensiva dell'Hospital Albert Einstein di San Paolo dopo un lieve peggiormento delle sue condizioni di salute. L'ospedale al momento non ha rilasciato bollettini medici per aggiornare sullo stato di salute di O'Rei. Pelé era stato ricoverato il 31 agosto scorso e, il 4 settembre, era stato operato per un tumore al colon.

L'ex fuoriclasse brasiliano, 81 anni il prossimo 23 ottobre, aveva lasciato la terapia intensiva appena due giorni fa rassicurando tutti via social: "Sono ogni giorno più allegro, pronto a giocare 90 minuti e anche i supplementari, saremo presto insieme!". Secondo la "Espn Brasil", in realtà Pelé avrebbe avuto la scorsa notte un problema di reflusso, da qui la decisione - a scopo precauzionale - da parte dei medici di riportarlo in terapia intensiva. 

Pelè sta "recuperando bene" all'ospedale ha scritto la figlia ai fan su Instagram per rassicurarli dopo che è uscita la notizia del ritorno in terapia intensiva. "Questo è il normale scenario di recupero per un uomo della sua età. Dopo un'operazione come questa, a volte si fanno due passi avanti e uno indietro. Ieri era stanco e ha fatto un passo indietro. Oggi ha fatto due passi avanti", ha scritto Kely Nascimento. Nel post una sua foto col padre: O'Rei sorride, indossa un piumino-gilet nero all'ospedale Albert Einstein di San Paolo, dove è stato ricoverato il 31 agosto. "Questa foto è stata scattata poco fa. Indossa un piumino perchè è di Santos (una città di mare vicino a San Paolo) e il freddo di San Paolo gli dà fastidio", ha scherzato la figlia. "C'è molta ansia nel mondo in questi giorni e noi non vogliamo aggiungerla".