Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
25 mar 2022

Napoli, Zanoli: "Pronto a sostituire Di Lorenzo"

Il giovane terzino in rampa di lancio dopo l'infortunio dell'ex Empoli: "Per me è una fonte di ispirazione continua"

25 mar 2022
giusy anna maria d'alessio
Sport
Cristiano Giuntoli, lo scopritore di Zanoli (Ansa)
Cristiano Giuntoli, lo scopritore di Zanoli (Ansa)
Cristiano Giuntoli, lo scopritore di Zanoli (Ansa)
Cristiano Giuntoli, lo scopritore di Zanoli (Ansa)

Napoli, 25 marzo 2022 - Nello sprint scudetto e in generale in una stagione molto positiva potrebbe scrivere il suo nome anche Alessandro Zanoli, giovane terzino destro del Napoli che nelle prossime partite è in lizza per sostituire l'infortunato Giovanni Di Lorenzo. Intanto il classe 2000, in attesa di farlo in campo, ha provato a rompere il ghiaccio ai microfoni di Radio Kiss Kiss.

"Grazie Spalletti e Giuntoli"


A proposito di questo colore, la chiacchierata del ragazzo di scuola Carpi è cominciata dalla cocente delusione dell'Italia, ancora una volta incapace di staccare il pass per i Mondiali. "C'è tantissima delusione: dispiace anche per i miei compagni nel giro della Nazionale". Tra essi c'è pure Di Lorenzo, costretto a saltare il cruciale (e sfortunato) appuntamento con la Macedonia del Nord a causa di un infortunio che complica i piani pure del Napoli nelle prossime settimane. "E' un giocatore fortissimo, uno dei migliori nel ruolo in Europa: per me è una fonte di ispirazione e cerco di carpirne i segreti anche solo guardandolo mentre sono in panchina". Lì siede anche Luciano Spalletti, l'artefice principale della bella stagione del Napoli e della crescita di Zanoli. "Il mister è stato fondamentale per me. Innanzitutto mi ha permesso di allenarmi con un gruppo di professionisti di questo livello: gliene sarò sempre grato e sono a sua disposizione anche e soprattutto quando mi richiama perché so che lo fa per il mio bene". Non solo il tecnico toscano: dietro all'approdo in prima squadra del classe 2000 c'è un'altra figura importantissima: quella di Cristiano Giuntoli. "Ci conosciamo da anni e per me è una sorta di secondo padre: è stato lui l'artefice del mio arrivo qui grazie alla fiducia, ricambiata, che nutre nei miei confronti".

Gli amici speciali

 Il 'quadretto di famiglia' di Zanoli prosegue, a testimonianza di una permanenza a Napoli molto felice in campo e fuori. "Juan Jesus è come un fratello maggiore: arriviamo spesso al campo insieme e poi ci vediamo fuori a cena, oltre a essere vicini nello spogliatoio. Ho legato molto anche con Andrea Petagna: in generale sto bene con tutti e da ognuno ho ricevuto una bellissima accoglienza". In comune con il brasiliano Zanoli potrebbe avere una dote preziosa in particolare nel reparto arretrato. "Posso giocare sia a destra sia a sinistra ma preferisco la prima opzione perché si adatta meglio alle mie caratteristiche naturali". Infine, un accenno al sogno scudetto. "Giochiamo una partita per volta e poi alla fine vedremo dove saremo arrivati".

Napoli, Koulibaly sempre più leader tra campo e fascia

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?