Amir Rrahmani (Ansa)
Amir Rrahmani (Ansa)

Napoli, 24 aprile 2021 - Le 3 partite in una settimana si fanno sentire anche nelle gambe di una delle squadre più in forma del campionato come il Napoli. Per questo motivo Gennaro Gattuso contro il Torino sarà costretto a effettuare un turnover che coinvolgerà diversi giocatori, tra cui un Amir Rrahmani ancora a caccia della consacrazione in azzurro.

Da Dua Lipa al Napoli

Un anno fa del kosovaro si tessevano le lodi snocciolando i numeri della stagione fantastica disputata a Verona. Le performance del classe '94, uno dei migliori recuperatori di palloni dello scorso torneo, avevano catturato le attenzioni della popstar Dua Lipa e di tanti top club, tra cui quello partenopeo che a gennaio, senza esitare, sborsò a scatola semi-chiusa 14 milioni per accaparrarsene il cartellino, salvo poi lasciare il difensore alla corte di Ivan Juric fino all'estate. L'anomalia della stagione 2019/2020 segnata dal Covid-19, con tanto di Serie A sospesa per mesi e poi ripresa nel periodo in cui di solito le squadre svolgono la preparazione in altura, non ha aiutato i giocatori chiamati a fare il salto da formazioni di medio-bassa classifica a quelle in lotta per gli obiettivi più nobili. Questa è solo una delle cause del flop in azzurro scritto finora da Rrahmani, uno che poi a cavallo tra novembre e dicembre quel maledetto virus lo ha conosciuto in prima persona. Prima di quella pausa forzata l'ex Hellas il campo con la nuova casacca non l'aveva neanche mai assaggiato: per assistere al suo debutto si è dovuto attendere addirittura gennaio in occasione del largo successo sul Cagliari. In quella partita il kosovaro disputò appena 3' che evidentemente bastarono per fargli guadagnare la grande chance dall'inizio contro l'Udinese: chance letteralmente gettata alle ortiche.

Il maledetto pomeriggio della Dacia Arena

Un suo gravissimo errore al 27' aveva spianato la strada a Kevin Lasagna, che avrebbe poi segnato il gol del momentaneo pareggio in risposta al rigore trasformato da Lorenzo Insigne. Per fortuna di Rrahmani il Napoli riuscì comunque a vincere quella gara grazie alla grande incornata all'ultimo respiro di Tiémoué Bakayoko, ma in un certo senso l'ombra dell'incertezza è rimasta sull'ex Verona almeno fino a una certa continuità in termini di minutaggio arrivata soprattutto grazie ai tanti problemi accusati dalla difesa. Lunedì, con la squalifica di Kostas Manolas, si riproporranno un'altra criticità del genere e soprattutto l'ennesima chance per Rrahmani, che a Torino si giocherà una buona fetta del proprio futuro in azzurro.

Leggi anche - Serie A, colpo salvezza del Genoa contro lo Spezia