Il Training Center di Castel Volturno (Ansa)
Il Training Center di Castel Volturno (Ansa)

Napoli, 13 ottobre 2020 - Un primo passo verso la normalità: l'isolamento fiduciario del Napoli presso il Training Center di Castel Volturno è finito e quindi ogni giocatore potrà tornare nella propria abitazione.

Le motivazioni e i dettagli

A decretare la rottura della cosiddetta bolla è stata la UOPC Capua dell'Asl di Caserta, che è arrivata a questa decisione alla luce sia delle nuove disposizioni sia soprattutto del giro di tamponi effettuato ieri, che ha dato esito negativo. Restano positivi al Covid i soli Piotr Zielinski ed Eljif Elmas, che non potranno scendere in campo sabato contro l'Atalanta: i due azzurri sono già asintomatici e, in caso di esito confortante dai prossimi tamponi, potranno tornare ad allenarsi in gruppo. Insomma, manca davvero poco alla fine totale dell'incubo Coronavirus per il Napoli, che nella giornata di domani conoscerà la decisione del giudice sportivo sulla partita mai disputata contro la Juventus. Inutile dire che qualsiasi verdetto creerà malumori e polemiche: tutti ingredienti molto comuni nel calcio italiano che nemmeno la pandemia è riuscita a scacciare. Discrasia tra poteri contro causa di forza maggiore: questa sarà solo una delle sfide che si giocheranno domani per sancire una decisione che, in un senso o nell'altro, condizionerà il prosieguo del campionato. Il discorso vale specialmente qualora non dovesse arrivare la sconfitta a tavolino: il precedente creato in questo caso sarebbe grande e di facile utilizzo da parte di qualsiasi squadra, a prescindere dalla malafede o meno dei diretti interessati.

Leggi anche - Juventus, Ronaldo positivo: il piano per sostituirlo in campo

Insigne verso la guarigione

Mentre la giustizia sportiva farà il suo corso, continua il lavoro di Lorenzo Insigne per recuperare prima possibile dal guaio muscolare occorso nel match contro il Genoa, quello dal quale praticamente sono nati tutti i problemi attuali del calcio italiano. Il capitano ha già ripreso ad allenarsi sul campo e conta di tornare a calcare il rettangolo verde nella partita contro l'AZ Alkmaar che sancirà il debutto stagionale del Napoli in Europa League. Probabile che in quell'occasione per Insigne arriverà solo uno scampolo di partita, mentre il rientro a tutti gli effetti dovrebbe avvenire nel match successivo, quando i partenopei faranno visita al Benevento. Emerge un aneddoto particolare al riguardo: subito dopo l'infortunio, Lorenzo avrebbe promesso al fratello minore Roberto, fantasista proprio in forza ai sanniti, di tornare in tempo per l'attesissimo derby campano e di famiglia. Ebbene, salvo contrattempi, la sfida tra gli Insigne ci sarà.