Emerson Palmieri (Ansa)
Emerson Palmieri (Ansa)

 

Napoli, 28 maggio 2021 - L'ufficialità ancora non c'è, ma di fatto Luciano Spalletti è virtualmente il nuovo allenatore del Napoli: lo si evince anche dal filo diretto in corso tra il tecnico di Certaldo e i vertici della società partenopea per pianificare il mercato che sarà, con 3 nomi suggeriti al ds Cristiano Giuntoli.

I 3 profili

 

Si tratta di Mattia Zaccagni, Davide Zappacosta ed Emerson Palmieri: tre profili che probabilmente non scalderanno eccessivamente il cuore dei tifosi, ma di certo quello di Spalletti, al lavoro anche per creare uno zoccolo duro italiano in seno al Napoli. Non solo: bisognerà pure tappare le varie falle che inevitabilmente aprirà il mercato in particolare sulle corsie basse, dove è già certo l'addio di Elseid Hysaj, uno che, seppur con alterni risultati, sapeva coprire all'occorrenza entrambe le fasce, oltre a poter giocare anche al centro. Ecco che quindi per rimpiazzare l'albanese gli azzurri pensano addirittura a due giocatori: Emerson Palmieri, mancino e Zappacosta, destro, zona a Napoli coperta alla perfezione da Giovanni Di Lorenzo. Si evince dunque che la priorità va all'italo-brasiliano, per il cui acquisto potrebbero bastare 'appena' 10 milioni visto che il contratto che lo lega al Chelsea, dove tra l'altro ultimamente è scivolato indietro nelle gerarchie, andrà in scadenza nel 2022. Spalletti si troverebbe così subito il primo pupillo a disposizione: alla Roma, proprio sotto la gestione del toscano, Emerson Palmieri aveva fatto vedere il meglio di sé e chissà che a breve non si possa assistere al ritorno di fiamma di questo connubio, stavolta in salsa partenopea.

Spalletti, firma entro il weekend?

 Leggermente più alto il costo di Zaccagni, il cui contratto con il Verona a sua volta terminerà sempre tra poco più di un anno. La concorrenza per accaparrarsi il jolly di centrocampo è però maggiore e tra le tante squadre interessate un posto in prima fila ce l'ha un Napoli che probabilmente si ritroverà a dover sostituire Fabian Ruiz: non proprio una missione semplice. La caccia a un profilo simile a quello dello spagnolo conduce a Zaccagni, verso la cui partenza dall'Hellas spinge anche il recente addio di Ivan Juric, da oggi ufficialmente allenatore del Torino. Di ufficiale per ora nel capoluogo campano c'è ben poco, ma intanto Spalletti lavora di comune accordo con gli uomini mercato del Napoli: un ottimo biglietto da visita da parte del tecnico toscano, che potrebbe firmare già nelle prossime ore e vivere così alla luce del sole il suo primo weekend partenopeo.

Leggi anche - Juventus, il ritorno di Allegri