Amir Rrahmani (Ansa)
Amir Rrahmani (Ansa)

Napoli, 10 settembre 2020 - Arrivato in sordina all'ombra del Vesuvio dopo un'ottima stagione all'Hellas Verona, sulla griglia di partenza dei difensori azzurri Amir Rrahmani sulla carta si posiziona solo in seconda fila. Sulla carta, appunto, perché il kosovaro in realtà sta scalando posizioni agli occhi di Gennaro Gattuso e dei tifosi, a cui, tramite i microfoni di Radio Kiss Kiss, promette massimo impegno.

La chiacchierata del classe '94 comincia parlando delle prime impressioni sulla sua avventura al Napoli. "Ci stiamo allenando forte in vista dell'imminente inizio del campionato: a tal riguardo saranno importanti le amichevoli in programma contro Pescara e Sporting ma, in generale, la cosa fondamentale è lavorare sempre al massimo". Proprio Rrahmani ha avuto bisogno di sessioni extra per ambientarsi nella difesa a 4 disegnata da Gattuso: questo almeno era il linea teorica, vista la sua recente esperienza a 3 nel Verona, ma il kosovaro in realtà confessa una verità diversa. "Preferisco giocare a 4, cosa che ho sempre fatto tranne nelle ultime due stagioni: resto comunque a disposizione delle indicazioni del mister". Nonostante il ruolo in campo sia diverso, c'è già chi paragona Rrahmani a Gattuso sotto il profilo caratteriale. "Qualche punto in comune tra noi esiste perché in fondo sono uno stopper aggressivo, ma di solito resto nel campo del lecito prendendo pochi cartellini". La testimonianza di ciò arriva da un particolare primato messo a referto l'anno scorso a Verona: il kosovaro è stato il giocatore ad aver vinto più contrasti aerei in Serie A. "Tanti meriti sono del sistema di gioco di Ivan Juric, che ci faceva difendere a uomo mentre qui a Napoli lo facciamo a zona: in questo modo è più facile portare a casa un record del genere".

Per sua fortuna Rrahmani non dovrà ritrovarsi a marcare, almeno durante le partite, Victor Osimhen, una delle novità più attese del prossimo campionato. "E' un attaccante forte e veloce che vuole fare gol in ogni momento, ma in squadra abbiamo tanti altri elementi pericolosi: me ne accorgo durante le sessioni di allenamento, quando c'è da prestare attenzione praticamente a tutti". Infine un commento sui compagni di reparto e sulle ambizioni del Napoli. "La difesa ha dimostrato la sua bravura nella vittoria della Coppa Italia. Insieme vogliamo aiutare la squadra ad arrivare tra i primi 4 in campionato e fare bene pure in Europa League: l'importante però - conclude Rrahmani - sarà ragionare partita dopo partita".