18 apr 2022

Napoli-Roma, le parole dei protagonisti. Mourinho: "L'arbitro mi ha fatto vergognare"

L'allenatore giallorosso: "Non credevo di fare risultato qui. C'era rosso per Zanoli". Spalletti: "Ai miei giocatori dico di comportarsi bene, tornassi indietro non lo rifarei"

ada cotugno
Sport
Mourinho duro contro l'arbitro alla fine della partita
Mourinho duro contro l'arbitro alla fine della partita

Napoli, 18 aprile 2022- La Roma strappa un punto prezioso al Napoli nella sfida del Maradona: i giallorossi nei minuti di recupero riescono a rispondere al rigore trasformato da Lorenzo Insigne nel primo tempo con il gol di El Shaarawy dopo un ottima ripresa dei ragazzi di Mourinho. Gli azzurri non sono riusciti a mantenere la porta inviolata per la seconda volta in casa e si fanno scippare dalle mani la vittoria ancora una volta tra le mura amiche.

Le parole di Mourinho

Ai microfoni di DAZN Jose Mourinho ha commentato il pareggio della sua Roma, spendendo parole importanti per i suoi ragazzi: "Non credevo di fare risultato qui, non perché la mia squadra non abbia giocato bene, ma perché sentivo che era difficile a quel punto, se non impossibile, ottenere un risultato positivo. Ecco perché lì per lì ho festeggiato, ma a freddo posso dire che la mia squadra è stata fantastica. Dal campo sembrava di essere sull'Everest a volte... Però grande carattere della mia squadra, una condizione fisica e mentale assolutamente incredibile. Volevamo di più, ma questo abbiamo potuto". E poi una lamentela diretta all'arbitro: " Il signor Di Paolo, per non dire di Di Bello, in alcuni momenti della partita mi hanno fatto vergognare di essere lì. C'era un rosso a Zanoli, non ha fischiato un rigore a Zaniolo e poi molto di più. Basta, vogliamo un po' di rispetto per i nostri tifosi che sono a casa".

La riposta di Spalletti

C'è delusione nelle parole di Luciano Spalletti per i due punti persi nei minuti finali: "Un po' di delusione c'è, per lunghi tratti abbiamo condotto bene la gara. Abbiamo poi affrontato una squadra forte che ci ha creato problemi. C'è dispiacere per il finale, avevamo centrocampisti freschi ma non siamo riusciti a gestire la palla come mi aspettavo e il gol subito era evitabilissimo". Un pensiero poi alle lacrime di Insigne mentre lasciava il campo: "Non lo so, non l'ho visto. Ma l'avvicinarsi di questo momento dove è costretto ad abbandonare la squadra in cui ha sempre giocato provoca sensazioni particolari. Bisogna sentire lui, ha giocato una buona partita e soprattutto quando c'era da prendere delle responsabilità ha assolto il compito". L'allenatore azzurro ha anche risposto alle parole sull'arbitro del suo collega: " Io dal primo minuto in cui sono arrivato qui ho sempre detto ai miei di comportarsi bene, di non alzare mai la voce, e il risultato è che quando vengono gli avversari agiscono come fossero la squadra di casa, montano addosso agli arbitri e fanno di tutto. Potessi tornare indietro non lo rifarei perché poi alcuni vengono anche influenzati da questo atteggiamento. E non parlo solo della Roma. Di Bello è stato richiamato dal VAR perché quello era calcio di rigore".

Leggi anche - Napoli-Roma 1-1: El Shaarawy risponde a Insigne

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?