Lorenzo Insigne, capitano del Napoli (Ansa)
Lorenzo Insigne, capitano del Napoli (Ansa)

Napoli, 5 luglio 2020 - Serve un gran destro a giro, la specialità della casa, di Insigne all'84' per piegare una Roma che al 60' aveva impattato con la botta da fuori di Mkhitaryan l'inserimento vincente di Callejon di 5' prima. Per il Napoli arriva così l'aggancio al quinto posto proprio ai giallorossi, che raccolgono la terza sconfitta consecutiva addolcita dal ritorno in campo di Zaniolo dopo 6 mesi.

Serie A, risultati e classifiche

Napoli-Roma 2-1, rivivi la diretta

Dopo un inizio nervoso (un giallo a testa nei primi 10' per Demme e Pellegrini), è Fabian Ruiz a rompere gli indugi con un'azione personale (finta in area e tiro) che trova la risposta del rientrante Pau Lopez. Poco dopo arrivano i tentativi in sequenza di Zielinski e Insigne, ma il portiere spagnolo si conferma attento. La Roma soffre ma quando può si lancia in ripartenza: è ciò che accade al 23', quando Pellegrini avanza e spara una cannonata deviata in angolo. Al 33' i rimpianti sono doppi e tutti del Napoli: prima Milik incorna sulla traversa il cross di Mario Rui e poi, sulla ribattuta e sempre di testa, Callejon a rimorchio spara incredibilmente alle stelle da zero metri. Al 37' ci prova dalla distanza Demme, che raccoglie un rimpallo al limite dell'area dopo una precedente conclusione murata di Insigne: la sfera si spegne alla sinistra della porta difesa da Pau Lopez. Quest'ultimo è reattivo al 40' sul mancino ravvicinato di Milik: sul ribaltamento la Roma sfiora il gol con la zampata di Pellegrini, rifornito da una combinazione involontaria tra i due terzini Spinazzola e Zappacosta.

Al rientro dall'intervallo il Napoli va subito vicino al gol con Insigne, il cui cross diventa un tiro che costringe Pau Lopez ad allungarsi per evitare la rete che invece arriva al 55': Mario Rui mette in mezzo e pesca l'inserimento vincente in spaccata di Callejon. Gli azzurri potrebbero raddoppiare già al 59' col destro a giro di Fabian Ruiz: lo spagnolo non ha la giusta mira, ingrediente che invece non manca al 60' a Mkhitaryan, che prima avanza sfruttando l'indecisione di Di Lorenzo e poi dai 20 metri trafigge Meret di potenza sul suo palo. La replica del Napoli, stravolto dai cambi di Gattuso (dentro Mertens, Lobotka, Lozano e Maksimovic) arriva al 78': Zielinski dialoga con Mario Rui, che ci prova da distanza ravvicinata trovando i pugni di Pau Lopez. Il nuovo vantaggio azzurro arriva all'82' con un gran destro a giro nell'angolino di Insigne che batte il portiere ospite, che all'84' salva i suoi dalla capitolazione deviando in corner il mancino a incrociare di Mertens. Poco male per il Napoli, che torna a vincere dopo lo scivolone di Bergamo e aggancia al quinto posto proprio una Roma sempre più in caduta libera.

Tabellino

Napoli (4-3-3): Meret, Di Lorenzo, Manolas (18' st Maksimovic), Koulibaly, Mario Rui, Ruiz (40' st Elmas), Demme (25' st Lobotka), Zielinski, Callejon (25' st Lozano), Milik (18' Mertens), Insigne. (27 Karnezis, 16 Idasiak, 23 Hysaj, 13 Luperto, 31 Ghoulam, 21 Politano, 34 Younes). All: Gattuso. 

Roma: (3-5-2): Lopez, Mancini, Smalling (30' pt Fazio), Ibanez, Zappacosta, Veretout, Pellegrini (30' st Cristante), Mikhitaryan, Spinazzola, Kluivert (20' st Zaniolo), Dzeko. (83 Mirante, 11 Kolarov, 18 Santon, 42 Diawara, 14 Villar, 27 Pastore, 17 Under, 19 Kalinic, 31 Perez). All.: Fonseca. 

Arbitro: Rocchi di Firenze. 

Reti: nel st 10' Callejon, 15' Mikhitaryan, 37' Insigne. Angoli: 8-1 per il Napoli. Recupero: 1' e 4'. Ammoniti: Demme, Pellegrini, Koulibaly, Mancini, Veretout, Cristante per gioco scorretto.